NEWS

Ebara Cles. Grasselli (Fiom Cgil): “Altre 11 operai stabilizzati”.

Dopo l'accordo di maggio i sindacati spuntano nuove assunzioni a tempo indeterminato. Grasselli: “Ma il governo ha sbagliato a non aver reso più stringente la normativa sui contratti a termine”.

Ebara Cles. Grasselli (Fiom Cgil): “Altre 11 operai stabilizzati”.E' stato siglato nei giorni scorsi un accordo tra l'Ebara di Cles, multinazionale leader nella produzione di pompe idrauliche, e i sindacati dei metalmeccanici per la stabilizzazione di 11 operai impiegati con contratti a termine che avrebbero la loro missione il prossimo 3 agosto. Con l'intesa raggiunta tutti è 11 verranno assunti definitivamente a tempo indeterminato. «Questi lavoratori – spiega Roberto Grasselli della Fiom Cgil – si aggiungono ai 26 che, con un'analoga intesa, eravamo riusciti a stabilizzare nel maggio scorso. Si tratta di un risultato complessivo molto importante che ancora una volta dimostra le necessità, per lo sviluppo di un'azienda, di poter contare su personale fisso. La precarietà infatti è un baratro per la crescita professionale e per le condizioni di vita dei lavoratori, ma diventa sempre più un freno allo sviluppo delle imprese». Per questi motivi Grasselli boccia l'intesa tra Governo e parti sociali che, oltre alla materia pensionistica, ha riformulato le norme per i contratti a tempo determinato. «Ci aspettavamo – denuncia il sindacalista della Fiom – un cambio di rotta deciso sui contratti a termine, ripristinando le clausole capaci di limitare l'accesso da parte delle aziende a forme di lavoro instabili. Invece, in nome di una flessibilità che si traduce solo in precarietà, il governo ha optato incomprensibilmente per una revisione timida e insufficiente. Così facendo ha concesso ancora alle imprese di utilizzare in modo improprio, e spesso al limite dell'abuso, i contratti a termine. L'industria italiana per crescere ha bisogno di innovazione e investimenti di lungo periodo, non certo della precarietà che mortifica le lavoratrici e i lavoratori». 26 luglio 2007

 

 

TORNA SU