NEWS

Scuola. Bertoldi (Flc Cgil): “Immissioni oltre la copertura del turn over”

Siamo a pochi giorno dall'approvazione della delibera sulle immissioni in ruolo. Una lettera di Gloria Bertoldi all'assessore Salvaterra.

Scuola. Bertoldi (Flc Cgil): “Immissioni oltre la copertura del turn over” È in dirittura d'arrivo la delibera dell'assessore Tiziano Salvaterra per l'assegnazione delle cattedre per l'anno scolastico 2007-08, che la giunta provinciale dovrebbe discutere nei prossimi giorni. Già qualche mese fa la Flc Cgil aveva sollecitato l'assessore competente ad immettere in ruolo almeno tanti insegnanti quanti sono stati i pensionamenti. Con il nuovo anno scolastico gli insegnanti non più in attività saranno ben 360. Di fronte a questo esodo, l'assessore Salvaterra assicurò che avrebbe garantito la piena copertura del turn over. Oggi la Flc Cgil, per bocca della sua segretaria Gloria Bertoldi, ricorda all'assessore quell'impegno, ma rilancia chiedendo nuove assunzioni per garantire un efficace rapporto tra alunni e insegnati. «La Flc Cgil – scrive Bertodi in una lettera inviata all'assessore Salvaterra pochi giorni fa - chiede che venga effettuato un numero di immissioni in ruolo tale da coprire il numero di posti vacanti per tutti gli ordini e gradi di scuola e per tutto il comparto. Solo la presenza di personale stabile può garantire infatti la continuità dell'insegnamento, condizione necessaria per la qualità dell'azione educativa anche negli istituti delle zone più periferiche della provincia». Quindi Bertoldi affronta il nodo delle prossime assunzioni. «I posti vacanti e disponibili per le immissioni in ruolo saranno superiori a quelli del turn over del personale che andrà in pensione a partire dal 1° settembre 2007. La preoccupazione da lei manifestata, anche sulla stampa locale, di bilanciare questo esodo con un numero di nuove assunzioni pari al turn over, non sembra sufficiente a garantire il perfetto funzionamento delle scuole». A ciò, per la Flc Cgil, si aggiungono i nuovi fabbisogni che l'introduzione della legge provinciale n.5/2006 porterà a carico dell'organico del personale della scuola: maggior tempo scuola obbligatorio ed introduzione della seconda lingua straniera nella primaria, ampliamento dell'offerta scolastica complessiva sul territorio, risposta all'emersione di bisogni educativi speciali. Ma a breve ci sarà anche da affrontare il previsto aumento dell'età dell'obbligo scolastico, con il conseguente aumento dei posti in organico per quanto riguarda anche il secondo ciclo di istruzione. «Per questi motivi – conclude Bertoldi rivolgendosi all'assessore Salvaterra – la Flc Cgil Le chiede di farsi parte attiva presso la Giunta provinciale affinché la stessa recepisca queste necessità ed investa nel personale del sistema educativo provinciale attraverso una stabilizzazione del rapporto di lavoro degli operatori del settore». 7 giugno 2007

 

 

TORNA SU