NEWS

Non autosufficienza; Rosi (Spi Cgil): "La fretta fa i gattini ciechi"

"Sui contenuti del ddl restano ancora dei nodi da sciogliere"

Non autosufficienza; Rosi (Spi Cgil): «La fretta fa i gattini ciechi. L'istituzione del fondo per i non autosufficienti era e rimane una riforma di primaria importanza, ma rispetto ai contenuti del disegno di legge della Giunta restano ancora dei nodi da sciogliere». Lo afferma il segretario generale dei pensionati Spi Cgil del Trentino Giuliano Rosi, intervenendo sulle polemiche di questi giorni a proposito dei tempi d'inizio della discussione in Consiglio provinciale del disegno di legge sulla non autosufficienza. «I pensionati – spiega Rosi - hanno scritto di recente una lettera a Dellai, in cui viene ribadita l'urgenza dell'approvazione del fondo, ma, cito testualmente, “senza che siano snaturati i principi fondamentali concordati a suo tempo con le organizzazioni sindacali”. Allo stato attuale – aggiunge - non abbiamo le necessarie garanzie circa il mantenimento di quei prerequisiti di equità e universalità indispensabili per il nostro assenso alla creazione del fondo. Appare dunque incomprensibile la fretta del segretario Cisl, che chiede al Consiglio provinciale l'approvazione immediata di una legge su cui è lo stesso sindacato a ritenere che siano ancora molti i punti da discutere». 1 agosto 2005

 

 

TORNA SU