NEWS

Trentino Trasporti, ok al bilancio

«Buco» di 5 milioni: ieri l’assemblea. Polemici i sindacati

Trentino Trasporti, ok al bilancioQualità dei servizi al top, tariffe tra le più basse d’Italia (90 centesimi il biglietto urbano) e numero di passeggeri (40 milioni) da record. Trentino Trasporti Spa - ieri era in programma l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio - traccia un quadro brillante dell’attività chiusa nel 2006. Spicca però nel bilancio quel «buco» di quasi cinque milioni di euro che nelle scorse settimane tanto ha fatto discutere. Un dato «che va spiegato», si legge in una nota dell’azienda. Secondo Trentino Trasporti, infatti, il valore negativo è frutto di una «congiuntura nazionale e internazionale sfavorevole». In particolare si fa riferimento all’impennata del costo del gasolio nel corso del 2006, le previsioni della Finanziaria - si legge nella nota - che ha spostato sulle imprese il peso dei primi tre giorni di malattia dei dipendenti, l’accordo sul biennio economico del contratto di lavoro, l’accantonamento a riserva di 1,5 milioni di euro. Se si considera il bilancio senza le voci straordinarie - spiega Trentino Trasporti - il risultato di esercizio è stabile da quattro anni e migliore rispetto agli ultimi due. Una lettura che non va giù ai sindacati: «I problemi “straordinari” di cui parla l’azienda li hanno avuti tutte le aziende di trasporto italiane - commenta polemicamente Antonio Beccati, della Cgil - e quando parlano di aumento del costo del personale, non dicono che ancora non hanno rinnovato il contratto aziendale. Le spiegazioni dell’azienda non stanno in piedi. Devono spiegare, ad esempio, perché il sistema satellitare a Napoli è costato un terzo rispetto ai 15 milioni sborsati in Trentino». «Non escludo che le vicende dell’A22 abbiamo distolto l’attenzione del presidente Lorenzo Dellai dai problemi di Trentino Trasporti - prosegue Beccati - ma noi stiamo ancora aspettando la convocazione dei sindacati. Questa azienda può e deve dare molto di più di quanto non stia facendo».

 

 

TORNA SU