NEWS

Buco TT. Beccati (Filt Cgil): “Incontro urgente con azienda e assessorato”.

Per la Filt il passivo era scontato. Beccati: “Ora Ceola e Grisenti ci dicano come rilanciare l'azienda”.

Buco TT. Beccati (Filt Cgil): “Incontro urgente con azienda e assessorato”.Per la Filt Cgil il buco di bilancio registrato dalla Trentino Trasporti nell'esercizio 2006 non è una sorpresa. E per bocca del segretario di categoria Antonio Beccati, il sindacato dei trasporti chiede al presidente Ceola e all'assessore Grisenti una spiegazione chiara ed esauriente alle organizzazioni dei lavoratori. «Serve maggiore responsabilità e trasparenza» sostiene Beccati. «Da tempo, nel silenzio generale, andiamo denunciando le scellerate politiche di investimento da parte di Tt e della Provincia. Strano che in piazza Dante non si siano accorti che il disavanzo aumentava. Dov'era Grisenti mentre i suoi uomini in azienda dilapidavano il denaro pubblico? Chi controllava i bilanci? Solo un mese fa in una commissione provinciale l'assessore ai trasporti ha difeso il proprio operato di fronte alle accuse della Corte dei Conti. Quando comincerà ad assumersi le proprie responsabilità politiche? Se si prosegue su questa strada gli unici a rimetterci saranno i lavoratori e i cittadini. Noi lo avevamo già detto giusto un mese fa». Per il sindacalista infatti lo spettro dell'affidamento del servizio con gara d'appalto aleggia ancora nell'aria. «Altro che gestione in house» continua Beccati. «Da mesi si parla di dividere l'azienda in due ma neppure questa strategia garantisce di evitare l'appalto. C'è il rischio che un'azienda straniera venga a gestire il servizio con pericoli per la tenuta occupazionale e per le tasche dei cittadini che vedranno aumentare le tariffe. Ma intanto invece di sistemare i conti e rendere più efficiente il servizio, la Provincia ha investito 13 milioni di euro nel faraonico progetto del Mitt e l'azienda si è indebitata emettendo 33 milioni di euro in bond per finanziare la nuova rimessa ferroviaria, il cui progetto – lo confermano i giornali dei giorni scorsi – è ancora indefinito». Ora per Beccati è tempo di vederci chiaro. «Già nei giorni scorsi avevamo chiesto al presidente Ceola un incontro per verificare la situazione economica dell'azienda. Allora aveva ammesso che c'era qualche problema e che avrebbe convocato la Cgil quanto prima. Ci aspettiamo che confermi l'incontro entro la settimana prossima. Ma poi dovrà aprirsi anche un confronto serio con la Giunta provinciale. La Provincia deve spiegarci quale strategia vuole metter in campo per rilanciare l'azienda nel prossimo futuro». 12 aprile 2007

 

 

TORNA SU