NEWS

Porfido. Lavoratori trattati come i garimperos

Nonostante le cattive condizioni climatiche di questa settimana, i lavoratori del porfido sono costretti a lavorare all'aperto, al freddo e sotto la neve.

Porfido. Lavoratori trattati come i garimperosVergogna! Gridiamo con forza contro quei padroni che costringono i propri dipendenti in questi giorni di vento, freddo e neve a lavorare in condizioni a volte estreme mettendo a rischio la loro salute e integrità fisica. Padroni che di fronte alle legittime richieste di molti lavoratori di sospendere l’attività lavorativa per le difficili condizioni meteorologiche, ambientali e di lavoro negano con arroganza e insolenza questa possibilità. Anzi sono ricattati e minacciati... "se non avete voglia di lavorare andate a casa... ma non venite da me a chiedere paga…..andate dal sindacato…. è freddo? Sul gradone non ci devo andare io ma tu! Sei pagato per questo". Questo il clima che si respirava oggi parlando con molti lavoratori presso la mensa di Albiano. Ci sono poi alcune altre situazioni drammatiche dove i lavoratori manovali dipendenti dalle ditte artigiane che non hanno la possibilità di utilizzare la cassa integrazione sono di fronte alla scelta di andare a casa utilizzando le ferie o di lavorare in qualsiasi condizione. Noi crediamo che la qualità del settore si misura anche da questi comportamenti. Dall’attenzione, sensibilità e responsabilità delle aziende e dei loro consulenti del lavoro nel valutare con oggettività le effettive condizioni di lavoro e di rischio e nel creare le condizioni, attraverso gli investimenti necessari, per lavorare in sicurezza. In ultimo facciamo appello agli enti di controllo e vigilanza e ai comuni affinché il settore venga effettivamente e con continuità tenuto sotto controllo. Troppi sono i casi e le situazioni che sfuggono e nelle quali si fanno largo la precarietà, la mancanza di diritti, il soffocamento della dignità della persona sacrificati sull’altare della produttività, della redditività e del fatturato. 20 marzo 2007

 

 

TORNA SU