NEWS

Lowara, la solidarietà di una valle

Anche il Comprensorio della Valle di Sole è vicino agli operai della Lowara di Malé

Lowara, la solidarietà di una valleMALÉ - Anche il Comprensorio della Valle di Sole è vicino agli operai della Lowara di Malé. Alla pari dei Comuni della Valle di Sole, anche l'ente intermedio ha approvato all'unanimità nella seduta del 21 dicembre la mozione di solidarietà riguardante la chiusura dello stabilimento industriale che mette sulla strada un centinaio di lavoratori, molti dei quali erano presenti in aula. A leggere la mozione sono stati i consiglieri Tullio Angeli e Mauro Ghirardini , essi stessi dipendenti della Lowara. Il presidente del Comprensorio Carlo Daldoss , dopo aver rimarcato l'impegno per cercare soluzioni che possano garantire il mantenimento a Malé della realtà industriale, che riveste un importante ruolo nell'economia della valle, ha dato voce anche ai molti presenti. Tra questi, oltre ai delegati sindacali, anche il senatore Giorgio Tonini . Il delegato di fabbrica Roberto Stanchina ha rimarcato come, oltre al centinaio di dipendenti licenziati, la chiusura della Lowara metta in crisi anche un piccolo indotto, quale i fornitori dell'imballaggio e la società che gestisce la mensa. Ha inoltre ringraziato quanti in questi giorni hanno espresso la loro vicinanza (dalla telefonata di solidarietà del presidente della Camera Fausto Bertinotti alla lettera dall'arcivescovo, all'incontro con il presidente della Provincia, Lorenzo Dellai ). Oltre alla mozione l'assemblea ha approvato, sempre all'unanimità, anche il bilancio di previsione 2007 che - se tutto andrà bene - dovrebbe essere l'ultimo dell'attuale Comprensorio. Con il 2008 dovrebbe essere infatti operativa la Comunità di valle, il nuovo ente intermedio tra Provincia e Comuni che dovrà gestire importanti competenze. Il bilancio 2007 pareggia sulla cifra di 9.607.068. Come sempre la fetta più consistente, pari a 3.679.024 euro, è relativa alla gestione del settore sociale che racchiude l'assistenza domiciliare, i servizi sociali sul territorio, i servizi assistenziali e sanitari. Ammontano a 877.838 i trasferimenti di capitale relativi all'edilizia abitativa agevolata, mentre il capitolo riservato alla gestione del territorio e tutela ambientale ammonta a 2.711.873 euro. Il funzionamento dell'apparato amministrativo costa 865.070 euro, mentre 527.786 sono impegnati per trasporto, refezione ed assistenza scolastica. Per quanto riguarda il capitolo relativo alle funzioni nel settore sportivo, ricreativo e del turismo, è a bilancio la cifra di 285.000 euro, in calo di 5.000 euro rispetto al precedente esercizio. Poco più che simbolica (1000 euro), la voce relativa a funzioni nel campo dello sviluppo economico. L'assemblea ha infine approvato il nuovo regolamento per la disciplina del servizio di gestione dei rifiuti. P. M.

 

 

TORNA SU