NEWS

Edilizia. Siglato il contratto integrativo per l'industria.

Paolo Ferrari (Feneal-Uil), Stefano Pisetta (Filca-Cisl) e Massimo Bertolini (Fillea-Cgil): "Ora lo stesso accordo con l'Associazione Artigiani." L'integrativo provinciale interessa 10 mila dipendenti.

Edilizia. Siglato il contratto integrativo per l'industria.Siglato a Trento l’accordo riguardante il rinnovo del contratto integrativo provinciale per i dipendenti delle imprese industriali della provincia di Trento. L’accordo, che al momento interessa 715 imprese con alle dipendenze circa 10.000 lavoratori, è stato firmato tra l’Ance di Trento ed i sindacati delle costruzioni di Trento, Feneal- Uil, Filca- Cisl, il e Fillea- Cgil. "Siamo soddisfatti dell’intesa raggiunta, dopo mesi di trattativa, perché, in un momento positivo di espansione del settore delle costruzioni, come riscontrabile dai dati allegati, il contratto qualifica l’aspetto salariale per i lavoratori e quello normativo per il miglioramento della sicurezza nei cantieri. Al fine di una migliore illustrazione dei contenuti del contratto, riteniamo opportuno illustrarne gli aspetti più significativi. Il contratto era scaduto alla fine del 2005. La nuova intesa prevede aumenti salariali quantificabili mediamente in circa 100,00 euro mensili lordi ( per l’operaio spcializzato ). Gli aumenti sono riferiti all’erogazione di un premio di produttività equivalente a 55,00 euro mensili, a partire dal primo gennaio del 2007. Vengono inoltre aumentate del 20% le indennità di trasporto e viene aumentata anche l’indennità di trasferta del 10% Per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro, le imprese aumenteranno il loro contributo al Centrofor di Trento,l’ente paritetico deputato alla formazione degli operai ed alla fornitura di consulenza tecnica ai lavoratori di primo ingresso nel settore ed alle imprese in materia di sicurezza e igiene del lavoro. Al fine di migliorare la formazione, particolare attenzione verrà rivolta nei confronti della manodopera straniera. Miglioramenti sono previsti anche per il servizio mensa. Fino ad oggi un operaio che usufruiva del servizio mensa presso ristoranti, godeva di una partecipazione dell’azienda alla spesa per il pasto fino ad un massimo di 10,33 euro; con il gennaio del 2007, l’importo sale a 11,00 euro, nel 2008 l’aumento salirà ulteriormente, arrivando a quota 11,50 euro. Chi invece non usufruisce del servizio mensa, godrà di un’indennità sostitutiva pari a 6,00 euro al giorno. Un’importante novità riguarda il premio di professionalità e presenza. Tale premio viene riconfermato negli importi attuali ( operaio specializzato € 6,20 giornalieri ) ma, a differenza di quanto previsto fino ad ora ( perdita totale del premio ) dal 1 gennaio 2007, agli operai che faranno richiesta di un’ora di permesso o di ferie verrà riconosciuto la metà dell’importo in vigore. Entro il giugno del 2007, attraverso il Comitato di Gestione della Cassa Edile, verranno riviste e riqualificate le prestazioni extracontrattuali, quelle che riguardano cioè le cure dentarie ed altre assistenze, di cui possono beneficiare gli operai iscritti alla Cassa Edile di Trento. Oltre agli aumenti salariali sopra riportati, da gennaio 2007 scatterà anche la seconda tranches di aumento della retribuzione mensile pari a 40,00 euro ( per l’operaio specializzato ) come stabilito dal rinnovo del contratto nazionale firmato a marzo del 2006 e relativo al biennio economico 2006-2007. Si punta ora a raggiungere lo stesso accordo con l'Associazione degli Artigiani della P.A.T. che interesserà più di 8.000 dipendenti delle 1.650 imprese.

 

 

TORNA SU