NEWS

Edili in piazza venerdì 15 marzo

Sciopero generale per fare ripartire i cantieri per fare ripartire il Paese

Edili in piazza venerdì 15 marzo

Il settore dell'edilizia ha accusato in modo forte l'ultima crisi economica: moltissime imprese sono fallite e si sono persi tantissimi posti di lavoro. Venerdì 15 i sindacati scendono in piazza insieme ai lavoratori con una grande manifestazione nazionale a Roma, in piazza del Popolo. Nella capitale arriveranno anche i lavoratori del Trentino.

Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil chiedono compatti che le risorse stanziate vengano spese "presto e bene, per tutte le grandi e piccole opere necessarie a creare occupazione e rilanciare il Paese. Serve una politica industriale per far ripartire l’edilizia, la filiera dei materiali (cemento, laterizi, lapidei, legno) e dell’arredo. Servono strumenti finanziari ad hoc, anche con il protagonismo di Cassa Depositi e Prestiti, che favoriscano investimenti immediati e a medio termine, per rilanciare le grandi aziende dei nostri settori e quindi tutto un indotto di piccole e medie imprese, anche artigiane."

Da mesi i sindacati hanno presentato una piattaforma unitaria “con proposte concrete e fattibili per difendere il lavoro che c’è e per crearne di nuovo, per dare risposta agli oltre 600 mila lavoratori che hanno perso il posto di lavoro in questa crisi che dura da anni”.

Se si vuole far ripartire il Paese, occorre aggredire i veri nodi di fondo della sua scarsa competitività: costi energetici troppi alti, costi logistici significativi legati alla mancanza di nuove infrastrutture per portare via mare e via treno le merci che oggi vanno su inquinanti tir, assenza di connessioni rapide, efficienti e sicure tra Nord e Sud del Paese, tra l’Italia, l’Europa e il Mediterraneo, fragilità dei nostri territori sia in termini idrogeologici che sismici, mancanza di una politica per le aree urbane basata su rigenerazione, recupero, green bulding. Per dare risposte su questi temi servono investimenti e4d è indispensabile rimettere al centro il lavoro di qualità.




 

 

TORNA SU