NEWS

Trentino Trasporti, nessun lavoratore è discriminato o svantaggiato

Filt Cgil e Faisa Cisal e Fit Cisl replicano alla Uiltrasporti sull'accordo per gli addetti al settore ferroviario di Trentino Trasporti

Appare doverosa una precisazione rispetto alla presa di posizione del segretario della Uiltrasporti sull'accordo del settore ferroviario in capo a Trentino trasporti spa.


Che la Uiltrasporti cambi opinione è legittimo, molto meno che dica cose non vere. Le parole hanno (ancora) un peso e non è accettabile che si parli, nel merito di quello che tecnicamente altro non è che un allineamento giuridico economico del settore ferroviario approvato dalla Giunta con un conchiuso il 30 novembre scorso, di “discriminazioni sociali all'interno della stessa Trentino trasporti, valorizzando un settore a discapito degli altri”


E' bene chiarire che nessun lavoratore è stato “discriminato” o “svalorizzato e svantaggiato”.


Il tutto è partito per garantire la continuità del progetto e del contratto di servizio tra PAT, Trenitalia e Trentino trasporti che prevede, entro il 2024, che tutte le corse della Ferrovia Trento Bassano siano effettuate da Trentino trasporti.

Progetto garantito, non più di un mese fa, dal Presidente Fugatti e che, riteniamo, possa in futuro garantire un incremento dell'occupazione in Trentino trasporti.


Inoltre va detto che il bilancio di previsione 2019 approvato dal precedente esecutivo provinciale è esclusivamente di natura tecnica, mentre la nuova Giunta potrà e dovrà definire un quadro programmatico più preciso.


In questo contesto si colloca l'accordo siglato dalle Organizzazioni sindacali del settore e che nelle intenzioni di FILT CGIL, FIT CISL e FAISA CISAL dovrà necessariamente portare la Giunta provinciale ad autorizzare il rinnovo dell'accordo integrativo aziendale per tutti i lavoratori di Trentino trasporti, così come per tutti gli altri lavoratori soggetti a contrattazione privatistica.


Stefano Montani, segretario generale Filt del Trentino


Paolo Saltori, per Faisa Cisal


Massimo Mazzurana, per Fit Cisl





 

 

TORNA SU