NEWS

Formazione, Centro Veronesi raccoglie l’invito della Fiom di organizzare corsi per i metalmeccanici

Proposti corsi su tutto il territorio provinciale per rispondere al diritto all'apprendimento continuo previsto dall'ultimo rinnovo contrattuale

La formazione continua è un fattore strategico per la competitività delle imprese e per il rafforzamento delle lavoratrici e dei lavoratori nel mercato del lavoro, soprattutto di fronte alle sfide imposte dalla globalizzazione e dalla rivoluzione tecnologica.
E' in quest'ottica che sindacati e associazioni datoriali hanno voluto introdurre, con l'ultimo rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici, una innovazione importante, di portata storica, proprio sul tema della formazione continua.
Il contratto siglato a fine 2016 prevede infatti che le aziende eroghino in favore di ciascun lavoratore 24 ore di formazione per la qualificazione professionale (esclusi dunque i corsi obbligatori per la sicurezza) nell'arco del triennio 2017-2019. Qualora entro la fine del 2018 le aziende non avranno effettuato o almeno programmato le 24 ore di corso da svolgersi entro la fine del 2019, i lavoratori potranno aderire individualmente a proposte formative esterne all'azienda: in questo caso il lavoratore avrà diritto ad usufruire sino a 24 ore di permessi, dei quali 2/3 a carico dell’azienda, per partecipare ai corsi, nonché al rimborso dei relativi costi sino ad un massimo di 300 euro.
Ad oggi, purtroppo, in Trentino solo le realtà più strutturate e sindacalizzate si sono attivate per ottemperare agli impegni contrattuali sulla formazione; molte aziende non hanno fatto assolutamente nulla ed il rischio è che quell’importante innovazione del Contratto Nazionale dei metalmeccanici rimanga lettera morta.
E' per questa ragione, con l'intento dunque di rendere esigibile per tutti i lavoratori e le lavoratrici del comparto il diritto alla formazione continua, che Fiom del Trentino ha chiesto al Centro Giuseppe Veronesi di Istruzione Scolastica e Formazione Professionale di attivare un progetto formativo a cui le tute blu possano attingere se nella loro azienda non si faranno i corsi.
Il Veronesi, raccogliendo la sollecitazione giunta dalla Fiom, ha provveduto a definire una proposta formativa da offrire ai lavoratori metalmeccanici, mettendo a disposizione le proprie competenze e la propria struttura per essere operativo con l’organizzazione dei corsi in tutto il territorio provinciale già dall’inizio del 2019.
Il catalogo formativo messo a punto dal Veronesi spazia dalle competenze trasversali (rafforzamento delle capacità relazionali, corsi di lingue, informatica) a temi più specifici legati alle competenze digitali (Industria 4.0), a quelle tecniche e a quelle gestionali.
L'auspicio della Fiom è che tutte le aziende metalmeccaniche, grandi o piccole, sindacalizzate o meno, ottemperino all'obbligo contrattuale attivando i corsi formativi al proprio interno. A questo riguardo la Fiom ha chiesto al Centro Veronesi di rendersi disponibile ad aiutare le aziende sia riguardo l'offerta formativa, sia riguardo gli aspetti burocratici.
Viceversa, per i lavoratori delle aziende che, in maniera un po' miope, ignoreranno gli impegni fissati nel Contratto Nazionale, vi sarà la possibilità di aderire autonomamente ai corsi attivati dal Veronesi su tutto il territorio provinciale, usufruendo di giornate di permessi a carico dell'azienda e facendosi rimborsare integralmente dall'azienda il costo di iscrizione.

Rovereto, 11 dicembre 2018

Allegati

 

 

TORNA SU