NEWS

Firmato il contratto integrativo con le imprese artigiane del Consorzio trasporti Cles

Filt Cgil del Trentino: "Risultato innovativo"

Firmato il contratto integrativo con le imprese artigiane del Consorzio trasporti ClesNei giorni scorsi la Filt Cgil del Trentino ha concluso un contratto collettivo di lavoro, approvato e sottoscritto dai lavoratori all’unanimità, con il CONSORZIO TRASPORTI CLES (TN) e cinque delle sue imprese associate: AUTOTRASPORTI BOMMASSAR GUIDO di SALORNO (BZ), AUTOTRASPORTI BERTOL RENZO E FIGLI SNC di CLES (TN), AUTOTRASPORTI TABARELLI DE FATIS MARIO & C. SNC di COREDO (TN), RAVANELLI CLAUDIO AUTOTRASPORTI di CLES (TN), ZANOLINI TRASPORTI DI ZANOLINI GIORGIO & C. SNC di TUENNO (TN). Il contratto prevede, oltre alla garanzia di applicazione del nuovo CCNL sottoscritto a Roma il 2 dicembre 2005 fra CGIL, CISL, UIL di categoria e la CONFARTIGIANATO per tutte le imprese di trasporto, spedizione merci e logistica (fatto di non poco conto, se si pensa che fino a pochi mesi fa, le ditte artigiane regolavano il rapporto di lavoro mediante un accordo nazionale di minor pregio, separato da tutte le altre imprese e firmato con una sigla sindacale praticamente inesistente nel settore), il rispetto assoluto delle norme europee sulla sicurezza stradale e sull’orario di lavoro del personale viaggiante, la regolamentazione delle operazioni di carico e scarico della merce, un’assicurazione sulla patente degli autisti dipendenti per cautelarli da eventuali problemi nei quali potrebbero incorrere anche e soprattutto durante l’uso del mezzo privato (si tenga conto che il CCNL prevede solo la conservazione del posto senza retribuzione per sei mesi in caso di ritiro del titolo di guida, da parte delle autorità di polizia preposte, mentre l’accordo locale garantisce una equa retribuzione mensile al malcapitato autista che dovesse incappare nel citato provvedimento amministrativo), specifici compensi economici per particolari attività verso la clientela, con una retribuzione netta che supera abbondantemente i 2mila euro mensili. Senza troppa enfasi, va però rimarcata l’importanza di questo accordo che, nei fatti, dimostra alcuni importanti fatti: - non è sempre vero che sia impossibile sottoscrivere accordi collettivi nel settore artigiano del trasporto merci, dimostrando che la contrattazione collettiva di secondo livello è possibile anche in micro-aziende non sindacalizzate; - non è vero che un numero ristretto di autisti, dipendenti da piccole ditte che non godono della tutela prevista dall’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, non possano far valere – se determinati, come in questo caso – i loro diritti; - è fuori luogo la vulgata secondo cui non sia possibile trovare piccoli imprenditori disposti a relazionare con il sindacato anziché “ricattare” o “minacciare” le proprie maestranze allo scopo di ricavarne il massimo profitto al minor costo, grazie anche e soprattutto alla pesante eredità lasciata dal precedente Governo con le “sue” vergognose leggi di precarizzazione del lavoro e della stessa vita privata dei lavoratori e delle lavoratrici. Chi sono le ditte artigiane che hanno aperto la strada ai contratti di livello aziendale è presto detto. Il CONSORZIO TRASPORTI CLES, con sede legale a MEZZOLOMBARDO (TN) – Via della Rupe 4 e filiale operativa presso l’INTERPORTO di TRENTO, è un cartello di numerose piccole imprese artigiane di autotrasporto merci operanti nel Trentino Alto Adige, costituito con atto del 5 gennaio 1981, con la finalità sociale della fornitura “nel campo dell’autotrasporto merci e servizi collaterali, tramite l’assunzione in forma associata di trasporti per conto terzi e attività collaterali, la tutela degli interessi economici delle imprese associate, anche coordinando la loro attività al fine di favorire il loro progressivo sviluppo e per renderle sempre più adeguate alle esigenze della committenza, contenendo i costi ed accrescendo la loro redditività”. Effettivamente, per volere dei propri soci, il CONSORZIO ha fondato nel 1996 l'ALPINA LOGISTICA & TRASPORTI SRL, allo scopo di “poter operare nel campo della Logistica Integrata e fornire soluzioni innovative per tutte le aziende che producono e commercializzano prodotti di largo consumo”. Per il tramite di quest’ultima, possiede un nuovo magazzino ubicato nell’area interportuale di Trento a ridosso dell’Autostrada del Brennero, per un’area coperta di circa 3mila mq. Ed una piattaforma per la movimentazione della merce provvista di 12 banchine di carico/scarico. “Punto di forza della nuova struttura è l'ampia cella frigorifera, con temperatura fino a 0°C e capacità di deposito superiore a 1000 bancali, più un antistante locale refrigerato realizzato per gestire importanti volumi di prodotti in regime di temperatura controllata”. Grazie a questa efficace organizzazione, piccole imprese artigiane sono riuscite ad assicurarsi una clientela di alto livello nel settore alimentare come la COCA COLA BEVANDE ITALIA (per la quale effettuano operazioni di logistica e distribuzione per tutto il Trentino/Alto Adige), la A. LOACKER SPA (a cui garantiscono il trasporto dei suoi prodotti a tutti i depositi Italiani), la CAMEO (alla quale assicurano i servizi di logistica e la distribuzione in tutto il Trentino/Alto Adige), la TRENTINALATTE SPA (di cui gestiscono la cella frigo, la logistica dei prodotti a marchio LAND e DESPAR e la distribuzione sulle piattaforme di scarico italiane), la MILKON SUEDTIROL ALTO ADIGE SCARL e il MILKON SUEDTIROL ALTO ADIGE SCARL (logistica e distribuzione nelle piattaforme Italiane dei prodotti a marchio Land). Tutta clientela selezionata a cui viene offerta una gamma di servizi di alto livello, grazie all’idea di rompere con la concorrenza sfrenata fra micro-imprese e la costituzione di un CONSORZIO dotato di una struttura logistica di gran pregio tecnico ed amministrativo. La Filt Cgil del Trentino 21 luglio 2006

 

 

TORNA SU