NEWS

SmoG, parte lo sportello contro le molestie nei luoghi di lavoro

Iniziativa di Cgil Cisl Uil del Trentino. “Fenomeno in crescita, offriamo orientamento e supporto”

SmoG, parte lo sportello contro le molestie nei luoghi di lavoro

Nella giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne Cgil Cisl Uil del Trentino lanciano SmoG, lo sportello contro le molestie nei luoghi di lavoro. Il tema si è imposto all'attualità dopo le recenti denunce che hanno coinvolto in Italia e all'estero il mondo dello spettacolo e cinematografico, ma si tratta di un fenomeno molto più ampio, direttamente collegato alla presenza femminile sul lavoro. “La molestia, verbale, fisica e psicologica – dicono Claudia Loro, Milena Sega e Silvia Bertola – purtroppo affonda le radici in un radicato pregiudizio che tende ad imporre la superiorità del ruolo maschile su quello femminile, in una cultura di totale assenza di rispetto per le differenze. Per molto tempo subire determinanti atteggiamenti e gesti era quasi ritenuto normale, o comunque non era opportuno dirlo. Anche con questa nostra iniziativa vogliamo dire che è arrivato il momento di cambiare, di stabilire relazioni fondate sul rispetto tra i sessi anche nei luoghi di lavoro”. Lo SmoG offre una “presa in carico della persona” vittima di molestie e offre un supporto legale, organizzativo e psicologico.

Il progetto è partito un anno fa con la firma del protocollo contro le violenze sui posti di lavoro, sottoscritto dai sindacati confederali, da tutte le associazioni datoriali provinciali e dalla Provincia di Trento, unico caso in Italia visto che nel resto del Paese protocolli analoghi sono stati siglati solo da Confindustria.

Questi dodici mesi sono serviti per formare le figure che gestiranno gli sportelli e per organizzare in concreto lo SmoG.

Le molestie sui luoghi di lavoro sono circa il 3 per cento del totale delle violenze di genere denunciate in Trentino. Pur rappresentando una piccola parte del fenomeno violenza contro le donne, il dato è in crescita. “La percentuale chiaramente dà atto delle denunce – proseguono le tre sindacaliste -, ma è facile intuire che siano poche le persone che decidono di denunciare, anche per la paura di subire poi conseguenze sul lavoro, visto che l'autore della molestia è quasi sempre il datore di lavoro, un superiore o un collega”. Per questa ragione Cgil Cisl Uil del Trentino ritengono sia importante fare un ulteriore passo in avanti e attivare in tempi rapidi insieme alla Provincia e al Tavolo contro la violenza un monitoraggio strutturato di questo fenomeno.

Lo sportello sarà articolato su tre sedi, una per ciascuna sigla sindacale.

CGIL, via dei Muredei sportello.molestie@cgil.tn.it cell. 348 1302608

CISL, via De Gasperi 61 sportello.molestie@cisltn.it tel. 0461 205105

UIL, via Matteotti 71 sportello.molestie@uiltn.it tel.0461 376192

A partire dal 27 novembre tutte e tre le sedi saranno aperte per lo sportello:

tutti i lunedì dalle 14 alle 16.





Trento, 25 novembre 2017

 

 

TORNA SU