NEWS

Fp Cgil è il primo sindacato

Comparto igiene ambientale: 52% dei voti, 10 eletti Rsu e 4 Rlssa. Grande la partecipazione

Alle elezioni della Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) e dei Rappresentanti dei lavoratori per la salute, sicurezza e ambiente (Rlssa) del 25 e 26 ottobre, la Fp Cgil si conferma primo sindacato del comparto, sia a livello nazionale che a livello trentino, e migliora ulteriormente il risultato della passata edizione, con un incremento di seggi e voti. Ottiene in totale il 52% dei voti con 10 eletti nelle Rsu e 4 nelle Rlssa. Si segnala, in positivo, anche la grande partecipazione, con un’affluenza del 75% degli aventi diritto (circa 500 gli interessati, 90 mila a livello nazionale). Per il Trentino, le aziende coinvolte sono: Dolomiti ambiente, Amnu, Asia, Sogap e l’associazione temporanea di imprese con Snua, Adige e Ingam.

Luigi Diaspro, segretario Fp Cgil e referente del comparto, afferma: «Un risultato non scontato, che giunge in un momento delicato per un settore che - solo con grandissimo sforzo e grazie alla straordinaria partecipazione dei lavoratori - ha recentemente rinnovato i due contratti collettivi nazionali (pubblico e privato), su cui incombono appetiti e interessi enormi e in cui il sistema degli appalti determina molto spesso arretramento delle condizioni dei lavoratori, soprattutto in termini di salute e sicurezza oltre che di diritti e retribuzioni. Peraltro resta tuttora bloccata, in Trentino, la discussione sulla costituzione di un unico soggetto (pubblico diciamo noi) tra Trento e Rovereto che possa gestire l’igiene urbana e il ciclo completo dei rifiuti in modo strutturale e capace di ottimizzare servizi e costi insieme al potenziamento dei diritti e dell’occupazione».

L’election day in tutto il Paese ha dato attuazione, per la prima volta, al Testo unico su democrazia e rappresentanza del 10 gennaio 2014: un’affermazione concreta della democrazia nei luoghi di lavoro e un traguardo perseguito con tenacia soprattutto dalla Fp Cgil. «E ciò fa ben sperare – prosegue Diaspro - in un periodo in cui da più fronti giungono attacchi scomposti al valore e al ruolo del sindacato, considerato alla stregua di un vecchio arnese autoreferenziale incapace di rappresentare davvero il mondo del lavoro. L’effettiva cessione di sovranità che si determina con l’elezione dei rappresentanti è una delle evidenze della parzialità e strumentalità di questi attacchi. Il risultato premia l’impegno di tutti, e chiama a una responsabilità ancora maggiore, a impegnarsi nelle rispettive aziende per gli aumentati carichi di lavoro, per la sicurezza dei mezzi, per l’aumentata età media e per le conseguenze sulla salute della raccolta porta a porta sempre più spinta, con maggiori carichi e sollecitazioni manuali degli addetti, fino al delicato tema del welfare aziendale».

Fp Cgil ringrazia tutti coloro che l’hanno votata e, ancora di più, ringrazia i candidati, i componenti delle commissioni elettorali e gli scrutatori che hanno dato il loro prezioso contributo per la riuscita di questa importante prova democratica.

 

 

TORNA SU