NEWS

Delegato Cisl al raduno fascista di Rovereto. Milena Demozzi (Fiom Cgil del Trentino): "I valori del movimento sindacale si fondano sulla Resistenza"

Delegato Cisl al raduno fascista di Rovereto. Milena Demozzi (Fiom Cgil del Trentino): Un delegato della Cisl della Luxottica marcia assieme ai reduci di Salò, viene riconosciuto dai fotografi ed il tutto appare sul giornale. Effettivamente la notizia provoca sconcerto. Il movimento operaio e sindacale è stato protagonista nella lotta di liberazione dal nazifascismo. Il sindacato, in tutti i passaggi cruciali dell'Italia repubblicana, è stato sempre in prima fila nell'affermazione e nella difesa dei valori della Resistenza, e si è sempre opposto con fermezza a qualunque forma di revisionismo. Un terreno di mobilitazione e di impegno, quello antifascista, che è sempre stato contraddistinto dall'unità tra tutti e tre i sindacati confederali. Oggi come ieri, non possiamo essere tolleranti con chi simpatizza o milita in movimenti che riabilitano le idee ed i mezzi usati dal fascismo. Comprendiamo l'imbarazzo, da parte della segreteria provinciale della Fim Cisl, per quanto accaduto domenica nell'ambito di quella parata oscena che il professor Robol ha fatto svolgere alla Campana dei Caduti. Proprio perchè rispettosi dell'autonomia delle altre organizzazioni, non possiamo però accettare che ad essere chiamata in causa – per ricercare una via d'uscita da questa brutta vicenda – sia la Fiom Cgil, “rea” di ospitare nelle proprie file “massimalisti di sinistra” che nelle parole del segretario Fim Cisl diventano “fascisti rossi” dediti a spintonare e ad offendere chi la pensa diversamente. Un simile accostamento – per il quale tra un neofascista ed un metalmeccanico arrabbiato non c'è poi molta differenza – risulta semplicemente grottesco. Un'ultima considerazione sulle parole del delegato Cisl, che afferma di essersi allontanato dalla Cgil “perchè volevano inquadrarmi ed io non mi lascio inquadrare”. Se con queste frasi intende sostenere che nella Fiom e nella Cgil non c'è spazio per qualunque ammiccamento alle idee dell'estrema destra, siamo pronti a dargli ragione. 24 maggio 2006 (foto Cavagna)

 

 

TORNA SU