NEWS

Inflazione, l'indicizzazione dell'Icef diventi strutturale

Cgil Cisl Uil del Trentino: “L'aumento dei prezzi è un ulteriore tassello della ripresa economica. A questo punto necessario l'adeguamento dei salari anche con una contrattazione integrativa acquisitiva”

“L'aumento dell'inflazione, dopo anni di prezzi fermi e di rischio deflazione, è un ulteriore dimostrazione che è in atto una pur fragile ripresa economica. Da questo punto di vista, dunque, è un segnale positivo. Non possiamo però non vedere quanto questo potrebbe pesare sui bilanci delle famiglie. Proprio per questa ragione è importante ottenere un aumento dei salari con i rinnovi dei contratti nazionali e con la ripresa della contrattazione integrativa acquisitiva, rimasta ferma a causa della crisi”. Cgil Cisl Uil del Trentino commentano così i dati sulla dinamica dei prezzi. “Visto che la nostra provincia, insieme a Bolzano, è quella che ancora una volta fa segnare gli incrementi più consistenti è evidente che c'è molto da fare anche sul fronte della contrattazione di secondo livello – insistono i tre segretari generali Franco Ianeselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti -, sul piano economico, con i premi di risultato, ma anche sul piano del coinvolgimento dei lavoratori nella gestione delle aziende e sulla formazione continua”.

Oltre all'adeguamento dei salari la ripresa dell'inflazione ripropone la necessità di tenere sotto controllo le tariffe e l'accesso alle misure di sostegno, possibile solo rendendo strutturale l'indicizzazione dell'Icef. “Abbiamo ottenuto dalla Provincia una sperimentazione per il 2017 – ammettono le tre confederazioni -, ma vista la dinamica in atto è evidente che la misura deve diventare strutturale per evitare distorsioni nelle politiche di inclusione sociale, dalla casa alle politiche per gli anziani, ai sostegni alle famiglie”. Senza questo adeguamento, per i sindacati, aumenti di stipendio, legati all'adeguamento dell'inflazione, rischiano di tagliare fuori molte famiglie, che non hanno avuto nessun aumento reale del loro potere d'acquisto.





Trento, 15 settembre 2017

 

 

TORNA SU