NEWS

Troppe le aggressioni: 7 settembre sciopero del personale dei treni

Quattro aggressioni ai danni del personale dei treni Trenitalia in 15 giorni. Sembra un bollettino di guerra ma è la triste realtà. Il lavoro a bordo dei treni, e dei mezzi pubblici in generale, sta diventando sempre più difficile e, purtroppo, chi cerca di far rispettare le regole si trova coinvolto in aggressioni brutali e gratuite.

Ricoveri in ospedale, pugni al volto, dita rotte, minacce e ingiurie… ecco come vive chi fa il proprio mestiere con passione ed orgoglio. Il capotreno si trova sempre più spesso a dover operare in completa solitudine, anche per lunghe tratte, privo di strumenti di difesa e costretto a fronteggiare situazioni che mettono a repentaglio la propria incolumità.

Considerando che negli anni poco o nulla si è mosso e ritenendo la situazione arrivata al limite, le organizzazioni sindacali del Trentino e dell’Alto Adige (FILT CGIL, FIT SGBCISL, UILT UIL, UGL Trasporti, Orsa Ferrovie) hanno proclamato uno sciopero di 8 ore del personale dei treni (macchinisti e capitreno) per il giorno giovedí 07 settembre 2017. L’astensione sarà senza garanzia di treni dalle ore 9.01 alle ore 17.00 e riguarderà tutti i treni di Trenitalia circolanti tra Brennero e Verona, Bolzano e Merano, Fortezza e San Candido e Trento e Bassano. Sono esclusi dallo sciopero i treni Eurocity da e per Monaco, le freccie da e per Roma e i treni regionali di SAD e Trentino Trasporti.

Questo è ritenuto l’ultimo strumento per dimostrare l’esasperazione del personale e dare un segnale forte alle istituzioni e alle ferrovie perché vengano presi tutti quei provvedimenti in modo da tutelare la sicurezza e l’incolumità del personale durante il “semplice” svolgimento del proprio lavoro. Le soluzioni ci sono, così come sono state trovate per i viaggi aerei. Basta voler agire.


Trento, 1° settembre 2017


 

 

TORNA SU