NEWS

Uil e Nursing Up impediscono le riqualificazioni

Penalizzato il personale amministrativo, tecnico e operaio, col benestare del presidente dell’Apran

È amarissimo il commento dei rappresentanti di Fp Cgil Giampaolo Mastrogiuseppe e Gianna Colle; quest’ultima stamane era ad Apran, al tavolo tecnico sull’omogeneizzazione del personale tecnico – amministrativo – operaio dell’Azienda sanitaria con quello degli enti locali provinciali: «Ancora una volta – spiega - abbiamo potuto appurare come qualche sigla sindacale, anche confederale, rappresenti al tavolo contrattuale solo qualche categoria professionale».

Il personale dell’Apss sta aspettando dagli anni Novanta di vedersi riconosciuto lo stesso trattamento economico e giuridico dei colleghi provinciali. Ma questo punto non si è potuto trattare: «Uil e Nursing Up hanno subito richiesto la sospensione dei lavori per dare priorità alla ripresa della trattativa sull’attribuzione delle ulteriori indennità previste per i sanitari. Ma appena un mese fa queste due sigle, del contratto, si erano completamente dimenticate per firmare l’accordo stralcio sull’istituzione delle figure dei direttori d’ufficio e incarico speciale. Ho l’impressione che abbiano le idee confuse. Come Fp Cgil, abbiamo sempre ribadito, oggi come in quell’occasione, la necessità di proseguire nel rinnovo dell’intero contratto, chiedendo stessa dignità per tutto il personale, sia sanitario, che tecnico – amministrativo - operaio e quindi l’immediata riapertura del tavolo negoziale».

Fp Cgil ricorda che si è battuta per:

  • avere ulteriori risorse;
  • con l'accordo del 16 novembre 2016, assenti Uil Sanità e Nursing Up, ha recuperato ulteriori 3 milioni di euro;
  • l’attribuzione di un ulteriore incremento stipendiale;
  • il parziale rimborso delle iscrizioni agli albi di infermieri e altre figure obbligate;
  • le riqualificazioni di Oss e operai – tecnici - amministrativi.

Tiene a ricordare inoltre che il documento firmato a suo tempo non prevedeva la regolamentazione e l’istituzione dei responsabili d’ufficio e di incarico speciale. «Il messaggio è dunque chiaro: amministrativi, tecnici e operai non sono rappresentati da chi, al tavolo della trattativa, detiene la maggioranza. Per questo invitiamo tutti questi dipendenti a unirsi nella battaglia e far valere le loro datate e giuste rivendicazioni».

Qualche giorno fa, Fp Cgil ha anche predisposto un questionario per avere maggiore consapevolezza rispetto al vissuto dei lavoratori dell'azienda, al fine di poterli rappresentare con la dovuta attenzione, competenza e preparazione. «Fp Cgil vuole dare finalmente a tutti i dipendenti la stessa dignità, lo stesso riconoscimento e un corretto inquadramento».

 

 

TORNA SU