NEWS

Rifiuti in Vallagarina, stipendi sempre in ritardo

Per l’ennesima volta, gli stipendi dell’appalto rifiuti della Vallagarina arrivano in ritardo. «È inaccettabile» spiegano dalla Fp Cgil Giampaolo Mastrogiuseppe e Luigi Diaspro: «Da quando l'appalto è passato all'Associazione temporanea di imprese Snua/Adigest, il problema ha rappresentato una costante e, malgrado le rassicurazioni, non viene affatto risolto, dimostrando nei fatti l'assoluta indifferenza rispetto alle esigenze dei lavoratori e delle loro famiglie. Loro, come tutti, hanno impegni e scadenze fissate in base alla data di pagamento delle proprie retribuzioni. L’ultimo episodio certifica, per quanto riguarda la Fp Cgil, la necessità di una protesta formale che sarà attivata nei prossimi giorni».

Il nuovo appalto, a oltre 7 mesi dall'inizio dell'attività, continua a non dare risposte definitive: sia organizzative, sia sull’adeguatezza dei mezzi, malgrado le continue richieste e le successive rassicurazioni. Il coinvolgimento della Comunità di valle, che per contratto di appalto ha compiti di vigilanza per il rispetto delle condizioni dei mezzi e sulla regolarità e puntualità del pagamento delle retribuzioni, a oggi non ha sortito effetti. Lo stesso tavolo di contrattazione per il premio di risultato, con le proposte puntuali della Fp Cgil, non è stato concretizzato con un accordo che recepisca - quanto meno - i premi già contrattati col precedente appalto, determinando ulteriore motivo di grave scontento tra i lavoratori, che vedono depauperarsi le loro retribuzioni complessive a fronte di servizi sempre più spinti sul porta a porta.

Altrettanto importanti sono la questione delle retribuzioni e dei tfr, oltre alle altre spettanze che, a seguito delle procedure concorsuali della Padova tre, «sono da recuperare ormai tramite le azioni legali della nostra categoria, con grave preoccupazione degli addetti per i tempi di riscossione del dovuto. Per tutti questi motivi indiremo una manifestazione davanti alla Comunità di valle».

 

 

TORNA SU