NEWS

Sanità, nessun passo avanti sul rinnovo

Fp Cgil: «Nell'accordo stralcio non c'è garanzia per l'attribuzione delle fasce Uil e Nursing Up non ammettono l'errore e boicottano i tentativi di correzione»

La firma dell’accordo stralcio per il contratto del personale dell’azienda sanitaria, dello scorso 28 dicembre, è stata apposta sotto una cattiva stella. L'attuale formulazione dell'articolo 13 di quell'accordo, infatti, impone la modifica dell'articolo 95 del contratto, stabilendo che tale modifica sia oggetto di un successivo accordo. Accordo che, però, ieri è stato bloccato e reso impossibile. Senza questo accordo, molto semplicemente, non si possono attribuire le fasce.

Il segretario della Fp Cgil Giampaolo Mastrogiuseppe spiega: «Avevamo già rilevato l’incongruenza dell’articolo che prevede l’attribuzione delle fasce stipendiali a tutto il personale, tant’è che avremmo voluto modificarlo immediatamente. Purtroppo, le assurde posizioni di Uil sanità e Nursig up - che piuttosto che sedersi a contrattare insieme alle altre organizzazioni sindacali hanno preferito imporre un accordo pasticciato a danno di tutto il personale - non ce lo avevano consentito allora e non ce lo hanno consentito nemmeno ieri».

Mercoledì, infatti, si è tenuto un nuovo incontro: «Ora, dopo essersi resi conto che avevamo ragione noi, a voler modificare subito l’articolo 13, sostengono - nei fatti - di non aver compreso il senso dell’accordo, che hanno sottoscritto e hanno impedito si modificasse, sostenendo sia l’Apran a sbagliare interpretazione. Ora, di difetti l’Apran - nella figura del presidente - ne sta dimostrando diversi, ma su questo particolare articolo bisogna dare atto che era chiaro quanto fosse pericoloso. Infatti, ribadiamo, volevamo cambiarlo ma Uil e Nursing Up lo hanno impedito, imponendo la maggioranza necessaria alla validazione dell’accordo».

Mastrogiuseppe poi parla anche della stessa Apran: «Il presidente dell’Apran sta mettendo tutte le basi per una denuncia per condotta antisindacale, vista la gestione del tavolo di ieri. Subito dopo la proposta di parte pubblica, Uil e Nursing up hanno abbandonato il tavolo stazionando a poca distanza, nei corridoi. Il presidente, invece di richiamarli o chiudere la trattativa, ha temporeggiato sperando, forse, che noi abbandonassimo il tavolo per proseguire, probabilmente, proprio con le sole Nursing up e Uil. A nulla sono valse le nostre forti richieste di contrattare per arrivare a un accordo e le nostre osservazioni, finalizzate a migliorare il testo, non sono state accolte. Non sono state accolte neanche le nostre richieste di videoregistrare gli incontri, al fine di rendere trasparente la contrattazione. Abbiamo anche chiesto un verbale della riunione, che ci è stato negato.

Ma, a voler fare una classifica, la cosa che riteniamo più grave è che Apran giochi sull’equivoco. Afferma di dare risposte alle nostre istanze - per come disposto dalla giunta provinciale con la delibera del 20 dicembre 2016 - ma nei fatti stravolge il senso di quelle stesse istanze, interpretandole. Oltretutto, rifiutando l’interpretazione di chi quelle istanze le ha formulate e smentendo, addirittura, le proprie dichiarazioni allegate al citato accordo stralcio».

Concludendo, il segretario spiega: «Ribadiamo che oltre alla sistemazione dell’articolo relativo all’attribuzione delle fasce, le nostre priorità riguardano: il riequilibrio salariale di tutte le figure presenti in azienda a partire da quelle più basse; il percorso di riqualificazione di Oss, tecnici, amministrativi e operai; il percorso di armonizzazione contrattuale nei confronti del comparto autonomie locali; il rimborso della quota per l’iscrizione obbligatoria ai collegi professionali con l’accortezza di prevedere un tetto che scongiuri ingiustificati futuri aumenti della stessa; l'approfondimento sui regimi di servizio attivo/reperibilità anche in funzione della riorganizzazione aziendale. Oggi - conclude Mastrogiuseppe - siamo alla farsa più pittoresca mai rappresentata in Trentino, mentre i lavoratori della sanità aspettano risposte».

 

 

TORNA SU