NEWS

Aree servizio A22, l'8 dicembre scioperano i lavoratori delle pulizie

Dal 1° gennaio 116 addetti, da Modena al Brennero, resteranno senza occupazione. Presidio di protesta all'area di servizio Paganella Est. Domani nuovo incontro con i vertici di Autobrennero e presidio in via Berlino alle 8.

Giovedì 8 dicembre gli addetti alle pulizie nelle aree di servizio dell'Autostrada del Brennero incrociano le braccia per l'intera giornata. Lo sciopero indetto unitariamente da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uil Trasporti del Trentino, dell'Alto Adige, delle province di Verona, Mantova e Modena riguarda 116 lavoratori che dal 1° gennaio resteranno senza lavoro. Oltre alla sciopero è in programma un presidio di protesta nell'area di servizio Paganella Est (per gli addetti che operano in regione).

A determinare questa situazione è il fatto che Autobrennero, a differenza del passato, assegnerà la gestione delle pulizie delle 22 aree di servizio direttamente alle società che hanno vinto l'appalto dell'intera area di sosta. E per questi lavoratori, oggi alle dipendenze della cooperativa B&B service di Lucca, non c'è nessuna clausola di riassunzione. “In sostanza chi gestirà le aree di servizio potrà gestire in proprio anche il servizio pulizie, decidendo di organizzarsi nelle modalità e con il personale che ritiene più opportuno - spiegano i sindacati -. L'effetto è che 116 lavoratori e lavoratrici, una settantina in regione, si troveranno senza lavoro”. E sulla questione gli stessi vertici di Autobrennero, chiamati in causa dai sindacati, fino a questo momento non hanno preso posizione, rimandando lavoratori e sindacati all'indirizzo delle società che vinceranno le gare d'appalto per le aree di servizio. Una situazione assurda che dimostra il disinteresse per la sorte di 116 famiglie. Un nuovo confronto con i vertici dell'autostrada è previsto domani mattina, in via Berlino a Trento. In concomitanza con l'incontro, alle 8.00, è in programma un presidio di lavoratori con delegazioni di tutti i territori interessati.

Trento, 6 dicembre 2016

 

 

TORNA SU