NEWS

Al bivio. Lavoro, sindacato e rappresentanza nell'Italia d'oggi

Se ne discute venerdì 25 novembre nel seminario organizzato da LaReS

Quanto e perché i sindacati sono rappresentativi della realtà del lavoro in Italia? Fino a poco tempo fa la risposta a un simile quesito sembrava semplice e dava luogo a poche incertezze. Nella fase più recente, crescenti discussioni e persino roventi polemiche hanno messo in dubbio la forza dei sindacati italiani. Sindacato e sistemi di rappresentanza in Italia sono sicuramente di fronte ad un bivio. In che direzione ci si muove, cosa è cambiato e quanto sono fondati i luoghi comuni che sono sempre più diffusi nell'opinione pubblica sulla crisi di rappresentatività saranno i temi al centro del seminario proposto da LaReS, il laboratorio delle relazioni di lavoro, venerdì 25 novembre alle 10 nella sede di via Giusti 40 a Trento. Ne discuteranno insieme i professori Mimmo Carrieri e Paolo Feltrin, autori del libro “Al bivio. Lavoro, sindacato e rappresentanza nell'Italia d'oggi”. Con loro interviene anche il professor Gian Primo Cella. Dallo studio condotto da Carrieri e Feltrin emerge, sulla base di dati aggiornati, che le organizzazioni sindacali mantengono nel tempo il loro bacino di rappresentanza, nonché il loro notevole stock di iscritti. L'analisi mette in luce però, al contempo, una perdita di influenza sulla società più in generale, una difficoltà a dar voce a segmenti importanti del mercato del lavoro, una minore efficacia nella dialettica con il sistema politico. La questione si sposta, dunque, su correttivi e innovazioni possibili per invertire questa dinamica.

  • Mimmo Carrieri è professore ordinario di Sociologia economica e Sociologia delle relazioni di lavoro all'Università di Roma “La Sapienza”

  • Paolo Feltrin è professore di Scienza dell'Amministrazione e Analisi delle politiche pubbliche all'Università degli Studi di Trieste

  • Gian Primo Cella è professore emerito di Sociologia economica all'Università degli Studi di Milano

La partecipazione all'incontro è gratuita, previa registrazione online sul sito www.tsm.tn.it.

Per informazioni Silvia Bruno (347 6330979)





Trento, 23 novembre 2016

 

 

TORNA SU