NEWS

Unità sindacale dei metalmeccanici è un valore importante, basta polemiche pretestuose che danneggiano i lavoratori

Siamo in un momento molto delicato per i lavoratori metalmeccanici: vogliamo riconquistare un vero contratto nazionale e l'unità sindacale, in questa vertenza, rappresenta un punto di forza molto importante.
Nessuno nasconde o dimentica i tanti problemi creati dagli accordi separati di questi anni, per gli arretramenti contrattuali che hanno prodotto nei posti di lavoro e, ovviamente, per i rapporti tra le organizzazioni sindacali.

Eppure, rispettando la tradizione del nostro territorio di essere un laboratorio di pratiche positive, come Fim Fiom Uilm del Trentino abbiamo condiviso fin dal 2011, e difeso nel tempo, un accordo sulle regole democratiche nel rapporto coi lavoratori e nella contrattazione aziendale.

Tuttavia da mesi assistiamo da parte di "colleghi" ad una spasmodica ricerca di visibilità sui media: per soddisfare ambizioni personali sono state diffuse informazioni fuorvianti che hanno messo a rischio vertenze delicate come Ariston o Pama. Allo stesso modo si continua a pontificare sulla vicenda Mariani quando nulla di concreto è stato messo in campo per evitare dimissioni “a gratis”, né per compensare chi rimane del disagio che subirà. E soprattutto si spacca l'unità dei lavoratori per fare tessere e si danno lezioni di morale e di lotta, mentre nelle aziende si lasciano accadere” le decisioni prese unilateralmente dall'impresa; o peggio le si legittima. In questo modo si riduce l'attività sindacale ad un circo, e la Fiom non è disponibile ad abbassarsi a questo livello.


Per Fiom il coinvolgimento dei lavoratori nelle decisioni che li riguardano non può essere ridotto a rituale di facciata: è un valore fondante del nostro agire sindacale e da lì viene il mandato a sottoscrivere accordi con le aziende, come è stato fatto recentemente alla Dana di Rovereto, in cui ad oggi solo la Fiom Cgil ha titolarità contrattuale.
Pertanto, dopo le ennesime pretestuose polemiche, invitiamo ed auspichiamo un ritorno a rapporti corretti e trasparenti tra Fiom Fim Uilm in Trentino. Noi, nella coerenza che ci contraddistingue, ci siamo.

Manuela Terragnolo

segretaria generale della Fiom Cgil del Trentino

 

 

 

TORNA SU