NEWS

Malgara, subito i soldi del tfr ai lavoratori

Siglato oggi l’accordo tra le organizzazioni sindacali la Provincia e Cassa Centrale

I lavoratori della Malgara o gli ex dipendenti che non hanno ancora trovato un’occupazione a tempo indeterminato potranno ricevere in tempi brevi i soldi del loro trattamento di fine rapporto. È quanto prevede un accordo siglato oggi pomeriggio in Provincia dalle organizzazioni sindacali Piazza Dante e Cassa Centrale Banca. In sostanza i lavoratori cederanno alla banca il credito vantato nei confronti della Malgara Chiara e Forti per il proprio Tfr, ricevendo in cambio un anticipo di liquidità fino ad un massimo di 20 mila euro ciascuno.

E’ la prima volta che si ricorre a questo nuovo strumento – spiegano i tre segretari Manuela Faggioni (Flai), Franco Zancanella (Fai) e Andrea Meneghelli (Uila) -. Abbiamo chiesto e studiato con la Provincia uno strumento per sostenere tutti i lavoratori che, loro malgrado, dovessero trovarsi in situazioni simili a quelle nelle quali versano i dipendenti della Malgara Chiari & Forti, esposti, ad oggi, in alcuni casi anche con più di 9 mensilità arretrate. I dipendenti della Malgara saranno i primi a poterne beneficiare”.

In sostanza, in base all’accordo, e sulla base di quanto prevede una specifica norma inserita nell’ultima finanziaria provinciale, la banca mette a disposizione del lavoratore che ne fa richiesta un’apertura di credito in conto corrente, che, per ciascun lavoratore, potrà arrivare fino al limite dell’60% del Tfr maturato e dovuto (quindi tutto la parte di TFR che l’azienda, seppur tenuta, non ha versato al lavoratore, all’INPS, al Fondo Pensione Laborfonds o a qualsiasi altro fondo di previdenza complementare). Il prestito accordato a ciascun lavoratore non potrà superare quota 20mila euro. La Provincia interviene come garante e facendosi carico di tutte le spese, dalle bancarie alle notarili e di interesse, ecc.

Lo strumento, studiato appositamente a sostegno dei lavoratori, verrà attivato su richiesta del sindacato.

Siamo molto soddisfatti dell'intesa raggiunta, anche perchè specificatamente prevista dalla finanziaria provinciale; è uno strumento nuovo, valido in tutte le situazioni analoghe a quella che stanno vivendo i lavoratori della Malgara, studiato appositamente per sostenere quelle lavoratrici e quei lavoratori che, loro malgrado, hanno visto mettere a rischio la loro situazione economica.”

 

 

 

 

TORNA SU