NEWS

Università, Ianeselli: “Per contrastare il calo di iscritti più sostegno al reddito e più orientamento per gli studenti”

Il segretario generale della Cgil del Trentino torna sull'importanza di investire sulla formazione di qualità

Il calo di iscrizioni all'Ateneo trentino, evidenziato nell'ultimo Rapporto sull'occupazione, è la diretta conseguenza delle scelte dei giovani diplomati trentini che negli ultimi anni hanno preferito non proseguire gli studi, per molteplici ragioni, economiche, culturali e sociali. “È su queste ragioni che bisogna intervenire – sostiene Franco Ianeselli, segretario generale della Cgil del Trentino - incentivando ragazzi e ragazze a prosegeuire il percorso di formazione e facendo comprendere loro che un buon livello di competenze e una buona formazione sono armi vicenti sul mercato del lavoro”. Serve dunque investire su azioni di orientamento che coinvolgano i ragazzi già dai primissimi anni delle scuole superiori, se non prima. Ma non basta. “E' evidente che dietro al calo di iscrizioni pesa anche la difficoltà economica in cui si trovano molte famiglie – sottolinea Ianeselli -. Mantenere un figlio o una figlia all'università è costoso. Serve, dunque, potenziare e tarare meglio gli incentivi economici per gli studenti e le loro famiglie, cioè più borse di studio e misure che agevolino il risparmio familiare negli anni”.

L'Italia e il Trentino sono ancora lontani dagli obiettivi di Europa 2020 che fissa al 40 per cento la soglia di istruzione terziaria per i giovani tra i 30 e i 40 anni. Per questa ragione la Cgil del Trentino ribadisce ancora una volta che la qualità della formazione a tutti i livelli è un asset fondamentale per il Trentino. “Aumentare il livello di scolarizzazione e formazione dei giovani è un investimento nel loro futuro, ma anche nel futuro della nostra comunità. Risorse umane adeguatamente formate sono un valore aggiunto per la competitività del nostro tessuto economico e per la nostra capacità di competere e reagire alle crisi economiche”

Trento, 11 dicembre 2015

 

 

TORNA SU