NEWS

Italcementi, giudizio sospeso sugli ammortizzatori sociali. Prima il piano di investimenti

Ieri incontro a Roma tra i ministri del Lavoro e dello Sviluppo Economico, sindacati e azienda

Prima di definire quali ammortizzatori sociali saranno applicabili ai lavoratori del gruppo Italcementi, la società dovrà presentare un piano industriale con un programma di investimenti per i prossimi anni. Si è concluso così l'incontro di ieri a Roma tra i vertici del gruppo, le segreterie nazionali di Fillea Cgil Filca Cisl Feneal Uil e i ministeri del Lavoro e dello Sviluppo Economico.

Tra i nodi del confronto la possibilità o meno di applicare, alla luce delle novità introdotte dal Jobs Act, la cassa integrazione straordinaria. Una misura possibile e attuabile secondo le organizzazioni sindacali, ma su cui i due ministeri hanno manifestato scetticismo chiarendo che non esistono ammortizzatori sociali preventivi e che dunque non vi sarebbero le condizioni per utilizzare l’art. 42 del decreto legislativo n. 148 del 2015. Da qui la richiesta dei due ministeri alla direzione di Italcementi di formulare un programma di investimenti per i prossimi anni, propedeutico all'applicazione degli ammortizzatori.

La delegazione sindacale ha ribadito che per la complessità della fase in atto e per gli accordi stipulati in precedenza, nonché per le pesanti conseguenze occupazionali che potrebbero verificarsi in futuro a seguito della vendita al gruppo Heidelberg, deve trovare applicazione la cassa integrazione straordinaria così come previsto nella norma transitoria definita dell'articolo 42.

Fillea Cgil Filca Cisl Feneal Uil hanno anche ribadito che lo strumento da individuare deve riguardare l'intero gruppo e non possono esserci differenti applicazioni degli ammortizzatori che prevedono l'interruzione del rapporto di lavoro per il devastante impatto sociale che avrebbero nei vari territori.

Il prossimo incontro si terrà in sede ministeriale il giorno 3 dicembre, mentre azienda e sindacati, in particolare il coordinamento nazionale Rsu, si incontreranno nuovamente mercoledì prossimo 25 novembre.

Intanto a livello locale le segreterie provinciali di Fillea Cgil Filca Cisl Feneal Uil hanno inviato una nuova richiesta all'assessore all'Economia Olivi per la convocazione di una tavolo a tre, sindacati, Provincia e Italcementi.

 Trento, 20 novembre 2015





 

 

TORNA SU