NEWS

Sciopero edili, in Trentino adesioni al 70%

Protesta per il rinnovo del contratto e per il rispetto della legalità e della sicurezza nei cantieri

Sciopero edili, in Trentino adesioni al 70%Ha raggiunto il 70% - secondo le stime della Fillea Cgil del Trentino – l'adesione dei lavoratori dell'edilizia allo sciopero della categoria a sostegno della vertenza per il rinnovo del biennio economico 2006/2007 del contratto nazionale di settore. Il rinnovo, in provincia di Trento, interessa 22.000 dipendenti. Stamane una cinquantina di lavoratori hanno presidiato la sede trentina di Assindustria in via Degasperi. Presente alla manifestazione anche il segretario provinciale Cgil Ruggero Purin. I sindacati chiedono un aumento di 81 euro sul biennio a livello nazionale e di 79 euro per l’aumento territoriale. «Richieste - spiega il segretario generale Fillea Cgil del Trentino – del tutto ragionevoli, dopo anni di forte crescita del fatturato delle imprese. Lo sciopero degli edili – aggiunge Bertolini – ha rivestito una doppia valenza: da un lato la rivendicazione di un adeguamento salariale dignitoso, dall'altro la conferma dell'intransigenza del sindacato per il rispetto della regolarità, della legalità e della sicurezza nei cantieri». 14 marzo 2006

 

 

TORNA SU