NEWS

Non autosufficienza, prosegue la campagna di raccolta firme dei sindacati dei pensionati

Il 16 e 17 marzo banchetti a Trento per la legge di iniziativa popolare. “Scommessa di civiltà”

Non autosufficienza, prosegue la campagna di raccolta firme dei sindacati dei pensionatiIl 10 ottobre scorso è stata presentata alla Corte di Cassazione di Roma la proposta di legge di iniziativa popolare per la tutela delle persone non autosufficienti, promossa dalle federazioni dei pensionati di Cgil Cisl e Uil. La campagna impegna anche i pensionati trentini, attraverso iniziative sul territorio e con l'invito ai cittadini di firmare la proposta di legge presso gli uffici comunali. «L'iniziativa – spiegano in una nota i segretari provinciali Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Giuliano Rosi, Marino Gatti e Claudio Lucchini - non punta solo alla presentazione della legge alle Camere, ma anche a sollecitare in tutta la comunità una rinnovata attenzione verso la tutela delle famiglie e dei soggetti non autosufficienti». Nei giorni scorsi, informano i tre segretari, i Comuni sono stati invitati ad inviare ai sindacati entro il 15 marzo le adesioni rimaste ancora depositate. Le federazioni dei pensionati intendono proseguire la raccolta firme anche nel mese di marzo, con la presenza ai mercati e con dei banchetti nelle principali località della provincia. Nella mattinata di giovedì 16 marzo saranno presenti al mercato di Trento e venerdì 17 in piazza Pasi, dalle 15 alle 19. «Il fondo per la non autosufficienza – sottolineano Rosi, Gatti e Lucchini - non è una nuova tassa, ma una grande scommessa di civiltà che il sindacato non può perdere. E' una legge che guarda anche ai giovani, poiché il dramma della non autosufficienza non coinvolge solo gli anziani. Non vogliamo pensare che il futuro sia solo nelle case di riposo, vogliamo creare le condizioni affinché gli anziani possano rimanere nei loro quartieri e nei loro paesi. Invitiamo tutti i cittadini a dare il loro contributo – concludono i tre segretari di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil - aderendo alle nostre iniziative e impegnandosi a raccogliere il maggiore numero possibile di firme». 14 marzo 2006

 

 

TORNA SU