NEWS

Nuovi criteri Icef, giudizio positivo

Cgil, Cisl e Uil: “Ora introdurre l'indicizzazione dei parametri al costo della vita e l'armonizzazione dei livelli di invalidità”

Nuovi criteri Icef, giudizio positivo



Cgil, Cisl e Uil del Trentino giudicano positivamente la revisione dei criteri Icef varata ieri dalla giunta provinciale. La nuova disciplina, che entra in vigore da domani, 1° luglio, renderà più equa la valutazione delle situazioni economiche e patrimoniali.

Per le tre sigle sindacali è particolarmente significativo l'innalzamento della deduzione da 1.000 a 1.500 euro per il lavoro femminile, “una misura che, seppur contenuta, premia le donne che lavorano” e l'istituzione di un comitato di valutazione per l'applicazione della disciplina Icef.

Altro però resta da fare per rendere lo strumento ancora più equo ed efficace. Cgil, Cisl e Uil chiedono in particolare alla Provincia di introdurre l'indicizzazione al costo della vita dei parametri di calcolo della condizione reddituale delle famiglie così come previsti dalla disciplina Icef. Attualmente, nel caso di alloggi sociali, aumenti puramente nominali di salari, stipendi e pensioni determinano in automatico aggravi di spesa o addirittura la perdita del diritto all'alloggio per i nuclei familiari coinvolti.

Intanto, dal 6 luglio è possibile effettuare la propria dichiarazione Icef presso uno degli sportelli del Caaf Cgil sparsi su tutto il territorio trentino per beneficiare di tariffe agevolate (mense, scuola dell'infanzia, trasporti pubblici, nidi), di sostegni al reddito (assegno regionale al nucleo, famiglie numerose, tra gli altri) e di iinterventi sociali (alloggio Itea, integrazione al canone di affitto, assegno di cura, etc.). Sul sito della Cgil del Trentino sono disponibili tutte le informazioni utili per prenotare il proprio appuntamento al Caaf 

30 giugno 2015 

 

 

TORNA SU