NEWS

Lavori pubblici. Fillea Filca Feneal: “Il costo del lavoro fuori dalle procedure di appalto”

Proposta di legge dei sindacati dell'edilizia per evitare che il monte salari minimo di un'opera pubblica sia oggetto di ribasso. “Così il Trentino può continuare ad essere il laboratorio nazionale per la tutela del lavoro&rdq

Lavori pubblici. Fillea Filca Feneal: “Il costo del lavoro fuori dalle procedure di appalto”

Una quota minima ed incomprimibile del costo del lavoro sia fuori dalla base d'asta degli appalti, come accade per gli oneri per la sicurezza, e quindi non sia più ribassabile nelle offerte delle aziende. Lo chiedono alla Provincia autonoma di Trento i sindacati dell'edilizia Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil che hanno trasmesso all’assessore provinciale Gilmozzi ed al tavolo provinciale per gli appalti, la proposta di un articolato di legge che introduca questa ipotesi nella normativa sugli appalti. Una proposta che, precisano i sindacati, rispetta i principi cardine di corretto uso del denaro pubblico, di trasparenza e di libera concorrenza, finalizzata ad accrescere la responsabilità sociale dell’intero sistema degli appalti.

«Per la prima volta – spiegano con orgoglio i segretari generali Maurizio Zabbeni (Fillea), Fabrizio Bignotti (Filca) e Gianni Tomasi (Feneal) - ci siamo assunti l'impegno di avanzare noi alla giunta provinciale una vera e propria proposta di legge su un tema centrale per la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori del settore edile: evitare che il costo del lavoro sia sottoposto a ribassi che poi si scaricano sulle condizioni materiali di chi opera nei cantieri, evitando fenomeni di dumping contrattuale e il proliferare di subappalti al solo scopo di ridurre appunto il costo complessivo della manodopera».

La proposta di legge intende valorizzare  il  costo  del personale  in  ogni  fase dell’iter  dell’affidamento,  e  cerca di coordinare  questo  con  le  altre norme in  materia  di  tutela  dei  lavoratori sulla falsariga di quanto accade per esempio per gli oneri legati alla sicurezza  dei lavoratori nei cantieri e per la congruità contributiva che hanno già una loro regolamentazione specifica decisamente più avanzata rispetto alle problematiche retributive dei lavoratori. La normativa sarebbe applicabile in qualunque tipo di procedura (aperta,  ristretta,  negoziata  o  altre), con qualsiasi tipo di criterio di scelta del contraente (prezzo, offerta economicamente  più  vantaggiosa  o  altro), con qualsiasi tipologia di contratto (appalto, concessione, leasing o  altri) e su tutto l’iter di affidamento ed esecuzione, coinvolgendo anche le forme di subappalto. 

«Secondo la nostra proposta – aggiungono I tre segretari generali - il costo  del lavoro negli appalti pubblici verrebbe fissato in termini generali dalle parti sociali con un apposito avviso comune, per poi essere declinato sul caso specifico già nel bando di gara al fine di tutelare i lavoratori,  senza  però limitare  il corretto utilizzo del  denaro  pubblico  e  la  concorrenza  degli operatori economici. Il  fulcro  del disegno di legge  sta infatti nell'individuare un  costo  del  personale  inteso come minimo  e  incomprimibile,  sotto  il  quale  nessun  operatore  economico  potrebbe oggettivamente scendere per realizzare i lavori previsti dall'appalto. Questo importo verrebbe ad essere sottratto al ribasso in sede di gara e rappresenterebbe una  tutela economica per i lavoratori in sede esecutiva».

Quindi, nei capitolati verrebbe indicato il costo del lavoro non ribassabile, mentre le imprese dovrebbero poi fare offerte riguardo costi della forza lavoro aggiuntivi e  addizionali  a  quelli  minimi indicati  dalla  stazione  appaltante, variabili questi in  base  alla capacità e alla produttività specifica dell'azienda, potendo agire correttamente e compiutamente la libera concorrenza fondata sulla propria capacità organizzativa, senza scaricarla, al contrario, sull’ultimo anello della catena, i lavoratori dipendenti.

28 maggio 2015

 

 

TORNA SU