NEWS

Scuola. Bertoldi (Cgil): "Intesa all'Apran positiva, ora vanno ampliati i nuovi criteri per le stabilizzazioni"

Per la Cgil del Trentino la giunta deve procedere ad ulteriori immissioni in ruolo. Protocollo e accordo Apran approvati dall'81% di chi ha partecipato alla consultazione certificata.

Sono stati sottoscritti oggi all'Apran gli accordi sindacali con le modifiche ai contratti collettivi provinciali di lavoro dei docenti della scuola a carattere statale e del personale delle scuole dell'infanzia che hanno permesso il riconoscimento degli scatti di anzianità maturati dagli insegnanti di ruolo e l'avvio di un processo di stabilizzazione dei precari delle scuole primarie, secondarie e dell'infanzia, secondo una serie di criteri maggiormente vantaggiosi, che resteranno validi anche nei prossimi anni.

«Nel contratto - spiega Gloria Bertoldi, della segreteria della Cgil del Trentino - abbiamo tradotto quanto concordato nel protocollo d'intesa con la Provincia autonoma di Trento a maggio. Ed è proprio allora che, oltre ad individuare le risorse per garantire gli aumenti retributivi legati all'anzianità maturata senza togliere neppure un euro all'offerta formativa agli studenti e alla loro famiglie, abbiamo sancito il principio per cui vanno stabilizzati i docenti precari fino alla copertura del 100% delle cattedre previste nell'organico di diritto e fino al 40% di quelle dell'organico di fatto. Non firmare oggi avrebbe solo significato concedere alla Provincia di non procedere con le stabilizzazioni secondo questi criteri, ma adottando quelli precedentemente in vigore e più restrittivi e penalizzanti per il personale a tempo determinato».

Tra l'altro la sindacalista ricorda che sui contenti del protocollo e dell'accordo all'Apran si erano già espresse molte lavoratrici e lavoratori, invitati dalla Flc Cgil a partecipare ad una consultazione online sulle pagine del sito internet della Cgil del Trentino, conclusasi il 25 giugno scorso. Il risultati furono ampiamente favorevoli all'accordo con la Provincia. Allora furono raccolti ben 741 voti validi certificati, espressi da personale dell'infanzia, Ata e docenti della scuola primaria e secondaria. Sul totale i voti favorevoli all'accordo furono 600, pari ad una percentuale dell'81%.

«È proprio questo consenso ai criteri adottati per allargare le maglie delle stabilizzazioni del personale precario - aggiunge Bertoldi - che oggi ci dà la forza per chiedere alla Provincia uno sforzo ulteriore così da aumentare il contingente degli insegnanti immessi in ruolo per l'anno scolastico 2014-2015». È stata infatti questa la richiesta avanzata dalla Flc Cgil del Trentino in occasione della informativa dell'amministrazione provinciale per la quale, a fronte di un tetto massimo fissato a 500 stabilizzazioni,  i precari che riusciranno a raggiungere la cattedra di ruolo e quindi il contratto a tempo indeterminato dovrebbero essere 338, tra personale insegnante della scuola prima e secondaria. Per la scuola dell'infanzia invece dovrebbero essere trasformati a tempo indeterminato circa 240 posti di lavoro, circa 40 in più del previsto.

«L'amministrazione nella sua comunicazione - spiega Bertoldi - ci ha fatto presente che i pensionamenti saranno molti meno del previsto, con una riduzione quindi di quasi 100 cattedre disponibili per le stabilizzazioni. Noi abbiamo però suggerito un supplemento di analisi chiedendo la convocazione di un incontro in cui la Provincia illustri i dati puntuali sugli organici e sul numero di iscrizioni per il prossimo anno scolastico. Senza questi dati, che annualmente ci venivano sempre presentati, è difficile avere un quadro completo del processo di stabilizzazione».

«Abbiamo preso atto - conclude la sindacalista della Cgil del Trentino - delle dichiarazioni del presidente della Giunta provinciale Ugo Rossi, secondo cui le stabilizzazioni potranno essere completate nell'anno scolastico 2015-2016. Crediamo però che fin da ora la Giunta possa fare uno sforzo per garantire un ulteriore aumento del contingente di insegnanti da immettere in ruolo».

24 luglio 2014 

 

 

TORNA SU