NEWS

Sabato Camusso a Rovereto per la nuova sede

Nei locali che furono dello stabilimento Grundig. Burli (Cgil): “Restituiamo ai lavoratori uno luogo simbolo di emancipazione, di sviluppo e di cambiamento di un'intera città”. I dati della nuova sede

Sabato Camusso a Rovereto per la nuova sede

«La nuova sede della Cgil del Trentino a Rovereto sorge in un luogo altamente simbolico. Dove oggi trovano spazio l'attività di tutela delle categorie sindacali, i servizi di assistenza offerti dal patronato e la consulenza fiscale del Caaf, fino a pochi decenni fa era attiva un'impresa manifatturiera avanzata, quella della Grundig, che ha contribuito alla rinascita economica a vocazione industriale di un'intera città. Poteva restare un esempio di archeologia industriale. E oggi la restituiamo alle lavoratrici e ai lavoratori della Vallagarina per un'altra funzione».

Con queste parole il segretario generale della Cgil del Trentino, Paolo Burli, ha inaugurato alla presenza del sindaco Andrea Miorandi, del presidente del Consiglio provinciale, Bruno Dorigatti e della segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, la nuova camera del lavoro di Rovereto. In via del Garda di fronte al Millennium la nuova struttura ospiterà le categorie sindacali ma anche gli sportelli del patronato e del Caaf.  

«È anche il segno dei tempi – ha proseguito Burli -. In un'economia fortemente terziarizzata, i luoghi, i settori e i modi del lavoro cambiano, come deve cambiare anche il sindacato se vuole davvero adeguare il proprio antico e insostituibile ruolo al futuro che bussa alla nostra porta. Questa è lo spirito con cui apriamo questa nuova sede, offrendo ad iscritti e non iscritti, giovani e pensionati, studenti, disoccupati e a tutte le famiglie della Vallagarina servizi sempre più qualificati sia nel campo più tradizionale del sindacato – la contrattazione e la promozione collettiva dei diritti – sia in quello della tutela e dell'assistenza individuale». 

Burli che ha parlato all'interno della sala intitolata ad Achille Leoni e Aldo Farinati, storici protagonisti del movimento sindacale roveretano, ha ricordato come la formazione oggi diventi sempre più centrale per il lavoro. «Basti pensare che la sala che ci ospita non sarà solo luogo aperto di dibattito e confronto, ma è anche attrezzata per essere un luogo di formazione per lavoratrici e lavoratori. In questo modo vogliamo fare nostra la lezione di Bruno Trentin che ci ha sempre spinto affinché anche nella contrattazione il tema dell'istruzione e dell'apprendimento permanente diventasse centrale».

Il segretario generale della Cgil del Trentino ha sottolineato che dei cambiamenti non bisogna avere paura, restando immobili. «I cambiamenti – ha avvertito Burli – vanno gestiti. La Grundig non c'è più. Ma Rovereto con la meccatronica punta ancora sulla manifattura. Anche il sindacato però deve cambiare aggiornando gli strumenti della partecipazione e della tutela».

Come detto la sede di Rovereto in via del Garda 44 ospiterà i recapiti della categorie sindacali (edili, metalmeccanici, cartai, scuola, terziario, pensionati), ma anche gli sportelli del patronato Inca e del Caaf Nordest. Alcuni numeri testimoniano l'importanza della camera del lavoro di Rovereto per i servizi ai cittadini.

Nel capoluogo lagarino, il patronato Inca nel 2013 ha raccolto 9.708 pratiche, pari al 17,4% del totale provinciale e con un incremento di circa il 17% rispetto al 2012. In particolare, sono stati garantiti gli ammortizzatori sociali a 1.735 persone, mentre sono state trasmesse ben 3.305 domande inerenti il reddito di garanzia, gli assegni regionali al nucleo familiare, l'accesso all'edilizia sociale e l'assegno provinciale di cura.

Il Caaf Nordest, sempre nel corso del 2013, ha gestito ben 21.411 pratiche pari al 20,6% del totale provinciale e con un aumento rispetto all'anno precedente di circa 13 punti percentuali. Nel dettaglio sono state 5.754 le dichiarazioni dei redditi presentate agli sportelli di Rovereto, mentre ben 10.955 persone hanno effettuato la propria certificazione Icef al Caaf del capoluogo lagarino.  

19 luglio 2014

 

 

TORNA SU