NEWS

Congresso Cgil. Arcigay: «Ancora troppe discriminazioni sui posti di lavoro»

Il presidente Paolo Zanella ha annunciato la presentazione di un disegno di legge in Consiglio provinciale «per creare un ambiente e una società più inclusivi e rispettosi». E ha chiesto il sostegno del sindacato

Nonostante la legislazione italiana tuteli i cittadini dalle discriminazioni sui posti di lavoro, sono moltissime quelle che si verificano - attraverso violenze, insulti, emarginazione - in questo ambito e che non vengono denunciate. Un fenomeno dunque invisibile, ma fortemente presente nelle vite di centinaia di lavoratori omosessuali. A sollevare la questione è stato Paolo Zanella, presidente dell'Arcigay del Trentino, che è intervenuto questa mattina in occasione del congresso della Cgil del Trentino in corso a Vezzano.

Zanella ha quindi chiesto una legge contro l'omofobia. «In tutti i Paesi dell'Unione europea ci sono leggi di questo tipo. In Italia, invece, non esiste nulla. Una proposta di legge di iniziativa popolare è passata alla Camera, ma è stato stravolto il testo iniziale e la tutela è, di fatto, "dimezzata"». Una tutela che dovrebbe toccare non solo l'ambito lavorativo (dove le problematiche sono ancora molte), ma anche altri aspetti della vita delle persone, come la scuola, l'accesso ai servizi, l'affitto di una casa.

Per questo, anche alla luce di sollecitazioni da parte di Bruxelles, «in Trentino una proposta di legge dovrebbe approdare in Aula tra qualche mese», ha annunciato Zanella. «Una parte del testo - ha spiegato - è dedicata anche alla tutela sui posti di  lavoro, affinché le persone transessuali siano considerate soggetti a rischio esclusione sociale. Inoltre, chiediamo che chi viene discriminato abbia diritto ad essere reintegrato nel mondo del lavoro». 

L'auspicio dell'Arcigay è che si possa combattere «l'ignoranza sull'omosessualità partendo dalla scuola, spiegando in modo sereno che l'omosessualità esiste e che non è un problema o una malattia. La nostra legge non intende minimamente scardinare la famiglia eterosessuale, ma semplicemente sensibilizzare, informare e prevenire fenomeni di bullismo omofobico, che purtroppo spesso si verificano». Un altro punto che viene affrontato nel testo è la parità d'accesso all'edilizia abitativa. Più in generale, ha illustrato Zanella, l'obiettivo è quello di «creare un ambiente ed una società più rispettosi ed inclusivi».

«Purtroppo - ha proseguito - questa legge è minacciata dall'arretratezza di una parte della classe politica, mentre la società è pronta ad affrontare queste tematiche. Sappiamo di dover mobilitarci a breve per far capire che questa legge è necessaria e chiediamo anche al sindacato, che si occupa di diritti sociali, di occuparsi anche di diritti civili e di appoggiarci in questa battaglia. Perché se è vero che non esiste libertà senza uguaglianza, non esiste nemmeno uguaglianza senza libertà. Sarebbe positivo - ha concluso il presidente del'Arcigay - che anche la Cgil del Trentino, come ha fatto la Cgil nazionale, aprisse uno sportello dedicato ai nuovi diritti. Perché nel nostro Paese dobbiamo parlare ancora di dignità e rispetto, prima ancora di diritti, sociali e civili».

28 marzo 2014

 

 

TORNA SU