NEWS

X congresso provinciale FILT CGIL del Trentino

L'assise territoriale della categoria del trasporto pubblico locale, delle ferrovie, dell'autotrasporto, delle funivie

X congresso provinciale FILT CGIL del Trentino

Sono circa mille gli iscritti alla Filt Cgil del Trentino, la federazione sindacale che tutela e contratta per gli addetti del trasporto pubblico locale, delle ferrovie, dell'autotrasporto merci e degli impianti a fune, che sono stati chiamati a partecipare al congresso della categoria in Trentino.

Alle 25 assemblee di base organizzate dalla Filt ha partecipato circa il 32% degli iscritti che hanno votato all'unanimità il documento "Il lavoro decide il futuro", prima firmataria la segretaria generale Susanna Camusso.

Rilanciare la contrattazione collettiva, difendere l'occupazione, promuovere i diritti dei lavoratori, contrastare la precarietà in Italia e in provincia. Sono queste le priorità che il segretario generale uscente della Filt Cgil del Trentino, Paolo Sboner, ha indicato per l'attività del sindacato che tutela le lavoratrici e i lavoratori del settore trasporti.

«Oggi – ha spiegato Paolo Sboner nella sua relazione introduttiva al congresso Filt del Trentino tenutosi a Mattarello - anche i lavoratori che un tempo pensavano di garantirsi un futuro coltivando il proprio orticello, hanno capito che così non funziona. È solo l'azione collettiva fondata sui valori della fratellanza e dell'uguaglianza a garantire la vera tutela delle lavoratrici e dei lavoratori soprattutto in un comparto tanto complesso come quello dei trasporti».

«Ai trentini – ha proseguito Sboner - sembrava che la crisi sarebbe passata velocemente e senza gravi conseguenze anche grazie al bilancio della Provincia. Così non è stato. Oggi anche in Trentino si è scelto di mettere al centro solo la massima la produttività del sistema economico e quindi si aumenta la disoccupazione. Si pretende la massima efficienza, ma l'uomo non è una macchina».

Sboner ha poi ricordato come negli ultimi anni siano stati rinnovati tutti i contratti nazionali di lavoro con l'eccezione del trasporto pubblico locale, al palo da ormai quasi sei anni vista la contrarietà delle associazioni datoriali del settore ad accettare la piattaforma sindacale. «Le condizioni di lavoro – ha denunciato il segretario generale uscente – sono molto peggiorate in questi anni in tutti i settori anche in Trentino, con casi eclatanti di dumping contrattuale». E oltre agli episodi sempre più diffusi nel settore dell'autotrasporto, Sboner ha citato anche il caso dei nuovi addetti che opereranno sulla linea ferroviaria della Valsugana. «Nel passaggio della gestione dallo Stato alla Provincia – ha spiegato Sboner – verrà modificato anche il contratto di riferimento che non sarà più quello delle ferrovie ma quello applicato ai dipendenti di Trentino Trasporti».

Tornando alla situazione locale, il segretario generale uscente ha ripercorso poi la vicenda del contratto integrativo dell'Autobrennero conclusasi con la firma anche della Filt Cgil e ha denunciato la situazione nel comparto delle funivie.  «Abbiamo reagito – ha spiegato – alla disdetta unilaterale degli integrativi nelle maggiori società del fune in Trentino con un accordo ponte valido per quest'anno. Le aziende pensano di recuperare il calo dei contributi provinciali tagliando il costo del personale. Ma noi non accettiamo la logica secondo cui quando le società vanno bene garantiscono il salario integrativo, mentre quando vanno male lo tagliano».

Dopo la discussione politica che ha toccato anche le difficoltà interne alla Filt Cgil del Trentino vissute negli ultimi anni, l'assemblea congressuale ha votato i componenti del nuovo direttivo nel numero di 30. Si tratta di Francesco Artini, Bruno Rigoni, Mario Bevilacqua, Martino Albasini, Andrea Fontan, Giancarlo Anagni, Gianpiero Sartori, Ernesto Failoni, Vincenzo Longhi, Giancarlo Rech, Ivano Barbetti, Lorenzo Loss, Slava Bejo, Valentina Sinella, Simona Salvatore, Giuseppe Dossi, Nicolae Nemes, Grazia Sforzellini, Marilena Polizzi, Leandro Mazzola, Luca Cucchi, Luca Rodler, Roberto Minelli, Paolo Sboner, Loren Agostini, Marco Santini, Walter Soardo, Eliana Garbari, Agostino Rossi.

La nomina del nuovo segretario generale della Filt Cgil del Trentino invece è stata sospesa e rimandata ad una successiva convocazione del direttivo provinciale.

11 marzo 2014

 

 

TORNA SU