NEWS

Ristorazione Apss. Violato l'accordo sulla riassunzione dei lavoratori ex Dussmann

Serenissima Ristorazione non riassume tutti i lavoratori del centro cottura di Ravina come previsto nell'accordo sindacale dello scorso 27 agosto. Filcams Cgil e Uiltucs Uil chiedono l'intervento dell'assessorato alla salute

Serenessima Ritorazione, capogruppo dell'ati vincitrice dell'appalto del servizio pasti dell'Azienda provinciale di servizi sanitari, non ha provveduto all'assunzione di tutte e 30 le lavoratrici ed i lavoratori del centro cottura di Ravina gestito fino al subentro della nuova società da Dussmann, come previsto dall'accordo sindacale sottoscritto il 27 agosto scorso, dopo l'intervento dell'assessorato provinciale alla salute.

Ad oggi - denunciano i sindacati di categoria Filcams Cgil e Uiltucs Uil - ben 8 lavoratori sono ancora privi del contratto di lavoro. E proprio oggi scadeva il termine ultimo fissato nell'accordo sindacale per la riassunzione di tutte e 30 gli addetti interessati al passaggio con Serenissima. Ad aggravare la situazione c'è anche la mancata volontà di assumere i lavoratori disabili, ossia sei degli otto lavoratori ad oggi senza contratto.

Di fronte a questo stato di cose, le organizzazioni sindacali hanno subito avvertito il dipartimento salute e welfare della Provincia autonoma di Trento, nonché i vertici dell'Apss. L'assessorato alla salute avrebbe dato mandato alla direzione generale di Apss di intervenire su Serenissima affinché venga data attuazione all'accordo sindacale.

Per Filcams Cgil e Uiltucs Uil quello di Serenissima è un atto gravissimo, un comportamento inaccettabile che va sanato immediatamente rispettando alla lettera i contenuti dell'accordo del 27 agosto.

31 ottobre 2013

 

 

TORNA SU