NEWS

Agenzia del Lavoro. Un patrimonio di tutta la collettività

Dichiarazioni di Franco Ianeselli (Cgil), Lorenzo Pomini (Cisl) e Gianni Tomasi (Uil), membri del consiglio di amministrazione di Agenzia del Lavoro

«Agenzia del Lavoro non è proprietà di nessuno, ma è un bene della collettività e svolge funzioni fondamentali per la crescita economica e sociale della nostra provincia. Lo sanno bene le migliaia di disoccupati che si sono rivolti agli sportelli dei centri per l'impiego per cercare un'occupazione in questi anni di crisi, lo sanno bene tutti coloro che hanno ricevuto forme di sostegno al reddito, lo sanno quei lavoratori licenziati che hanno avviato un'azienda grazie ai progetti di autoimprenditorialità, lo sanno tutti quelli che hanno frequentato corsi di formazione, di orientamento e riqualificazione predisposti da Agenzia del Lavoro.

Va poi ricordato che Agenzia ed i centri per l'impiego pubblici della nostra provincia sono portati ad esempio in tutta Italia per la propria efficienza e per la capacità di innovare le poltiche del lavoro.

Tutto questo è frutto dell'impegno e della dedizione di coloro che operano quotidianamente all'interno di Agenzia del Lavoro ma anche della lungimiranza di chi, ormai trent'anni fa, nel pensare alla governance, ha puntato tutto sulla collaborazione paritetica tra istituzioni pubbliche, rappresentanza delle imprese e organizzazioni sindacali, in un tentativo del tutto originale di emulare, anche in Trentino, modelli di partecipazione e di corresponsabilizzazione che hanno fatto economicamente più forti e socialmente più coesi i paesi del centro e del nord Europa.

Spiace che qualcuno, pur sedendo a pieno titolo nel cda di Agenzia del Lavoro, disconosca questo impegno trentennale in un'operazione insensata di demolizione di uno degli strumenti più importanti per l'attuazione delle politiche di sviluppo del nostro territorio. Spiace anche di più se la medesima persona nello stesso momento in cui demolisce Agenzia del lavoro, promuove la bilateralità che è fondata sullo stesso meccanismo di dialogo e codecisione tra sindacati ed imprese su cui si fonda Agenzia.Ogni critica costruttiva è preziosa. La polemica fine a se stessa non è invece in alcun modo accettabile».

28 agosto 2013

 

 

TORNA SU