NEWS

Whirlpool. Firmata l'intesa sulla riqualificazione dei lavoratori

La divisione europea della multinazionale stanzia 3 milioni di euro per la ricollocazione dei dipendenti di Spini e la ricerca di un'attività sostitutiva. Grasselli (Fiom): “Un primo passo, ora il confronto prosegua su tutti gli altri aspe

Firmato oggi in Provincia l'accordo tra organizzazioni sindacali, Giunta provinciale e Whirlpool Europe per gli interventi di sostegno alla ricollocazione dei 470 lavoratori dello stabilimento di Spini di Gardolo e per la reindustrializzazione del sito. Questi interventi saranno finanziati  dalla multinaziomale americana degli elettrodomestici, che a fine giugno aveva comunicato la chiusura dello stabilimento di Spini di Gardolo, con uno stanziamento complessivo di 3 milioni, in gran parte destinati alla riqualificazione delle lavoratrici e dei lavoratori che hanno perso l'impiego.

«Si tratta di un primo passo, sicuramente significativo – commenta a questo proposito, Roberto Grasselli della Fiom Cgil del Trentino – nella definzione e concretizzazione di quel piano per il lavoro indispensabile a limitare al minimo l'impatto sociale di una chiusura aziendale che abbiamo subito». 

«Abbiamo deciso – continua Grasselli - di puntare sui servizi alla ricollocazione e alla riqualificazione del personale grazie alla collaborazione tra Agenzia del Lavoro e società specializzate nell'outplacement. Crediamo infatti che solo grazie ad una seria opera di tutoraggio e di formazione professionale della forza lavoro sia possibile non solo la positiva ricerca di un nuovo impiego, ma anche la stessa ipotesi di una reindustrializzazione del sito di Spini di Gardolo cui guardiamo con speranza e attesa. Su questo fronte ci attendiamo un impegno non convenzionale da parte della Provincia».

«Questa – conclude il funzionario della Fiom del Trentino - è stata una tappa nel confronto serrato tra sindacati, lavoratori ed impresa. Ora la trattativa deve proseguire a spron battutto per incastrare gli altri tasselli di questo complicato puzzle. Servono impegni straordinari da parte di Whirlpool sul fronte del sostegno al reddito dei lavoratori e degli ammortizzatori sociali per dare tempo e modo a tutti i lavoratori coinvolti di trovare ricollocazione nel mercato del lavoro».  


23 luglio 2013

 

 

TORNA SU