NEWS

Whirlpool. Sottoscritta l’intesa tra azienda, Provincia e sindacati

Firmato l’accordo-quadro da cui si svilupperà il Piano straordinario del lavoro. I lavoratori domani voteranno il documento in assemblea. Grasselli (Fiom): “Oggi finisce un’epoca, ma si apre la speranza” 

Tempi della dismissione dello stabilimento di Spini; piano straordinario per il sostegno dei lavoratori e la loro  ricollocazione; attività sostitutive. Queste le tre direttrici del protocollo d’intesa sottoscritto giovedì 11 luglio nel pomeriggio nella sede della Provincia.
 
Sono contrastanti i sentimenti che segnano la svolta nella trattativa. Roberto Grasselli, segretario generale Fiom Cgil del Trentino, rimarca la duplice valenza dell’accordo quadro. “Oggi è stata sancita ufficialmente la chiusura di Whirlpool: lo stabilimento non porterà più questo marchio – sottolinea il segretario - Finisce un’epoca e adesso si apre un altro capitolo legato alla speranza dei lavoratori”.
 
L’obiettivo è riqualificare le lavoratrici e i lavoratori: “In quel sito si deve ricreare un’opportunità occupazionale per tutti, favorendo così la reindustrializzazione dello stabilimento – aggiunge Grasselli - Poi dobbiamo puntare sulla formazione per creare altre opportunità, ma che siano concrete”. Un impegno che, rimarca il segretario Fiom, deve coinvolgere tutti: “La speranza è legata alle professionalità che istituzioni, sindacati e Confindustria metteranno in campo per trovare soluzioni occupazionali e dare un segnale chiaro al territorio”. La vicenda di Whirlpool si rivela infatti simbolica: “Se sapremo trovare una soluzione per Whirlpool dimostreremo d’essere capaci di affrontare le sfide del territorio”.
 
Domani mattina il testo dell’accordo-quadro verrà sottoposto al voto delle lavoratrici e dei lavoratori riuniti in assemblea. 
 
11 luglio 2013

 

 

TORNA SU