NEWS

Bilancio 2014. Le osservazioni alla manovra tecnica

Le osservazioni di Cgil Cisl Uil al bilancio provinciale di previsione per il 2014. La Giunta presenta una manovra tecnica da lasciare in eredità al governo eletto ad ottobre 

Bilancio 2014. Le osservazioni alla manovra tecnica

E' una manovra finanziaria tecnica quella presentata dalla Giunta provinciale ed in discussione entro l'estate in Consiglio provinciale. In vista delle elezioni per l'elezione del nuovo governatore del Trentino e il rinnovo dell'assemblea legislativa di piazza Dante, la giunta guidata da Alberto Pacher ha predisposto una proposta di bilancio di previsione che pareggia a quota 4,5 miliardi di euro e che lascia in dote al prossimo governo circa 170 milioni di euro utili a definire, in fase di assestamento, una manovra pienamente politica.

Cgil Cisl Uil del Trentino hanno comunque predisposto un documento unitario di osservazioni e proposte che sono state consegnate alla prima commissione del Consiglio provinciale durante un'audizione tenutasi lunedì 24 giugno. Unitariamente i sindacati hanno premesso che la situazione economica e sociale è grave: pil in calo almeno del 2% nel 2012, primo trimestre 2013 che si apre con una contrazione complessiva del 2,7% dei fatturati aziendali e una disoccupazione in crescita al 7,6% come mai dal 1995. Se in mezzo a tante ombre le luci sono davvero poche (tra queste un tasso di occupazione in crescita oltre il 64%), a rendere meno agevole l'uscita dalla crisi c'è oggi la necessità della Provincia di rivedere le dinamiche dalla spesa pubblica in conseguenza del patto di stabilità e dell'accordo di Milano.

Per questo Cgil Cisl Uil hanno riproposto l'ipotesi di un piano di consolidamento del bilancio provinciale condiviso dalle parti sociali, ribadendo però, almeno per il 2013, la richiesta di riproporre un intervento di sostegno al potere d'acquisto delle famiglie più deboli, in grado di dare un impulso alla domanda aggregata.

Rispetto alle previsioni del disegno di legge 389 (legge finanziaria per il 2014), Cgil Cisl Uil hanno preso atto positivamente degli stanziamenti per il varo dei fondi di sanità integrativa per i dipendenti i Provincia, enti locali e scuola ed hanno chiesto che si esplicitino stanziamenti analoghi per i dipendenti dell'Azienda sanitaria.

Oltre a questo hanno proposto un'estensione degli sgravi Irap alle imprese che attuino contratti di solidarietà espansivi e la steffetta generazionale e la proroga della sperimentazione del reddito di qualificazione anche per il 2014. 

24 giugno 2013 

 

 

TORNA SU