NEWS

Smith. Nulla di fatto nell'incontro tra azienda e sindacati

Vertice l'11 aprile tra l'ad Muzzi e Fim Fiom Uilm che chiedono una riduzione drastica degli esuberi annunciati. L'azienda prende tempo per valutare l'estensione del part time.

Smith. Nulla di fatto nell'incontro tra azienda e sindacati

Si è tenuto giovedì 11 aprile a Trento presso la sede di Confindustria l'atteso vertice tra i sindacati dei metalmeccanici Fim Fiom Uilm del Trentino e la Smith International che ha aperto una procedura di mobilità per 30 dipendenti dello stabilimento di Scurelle in Valsugana. Per l'azienda era presente anche l'amministratore delegato, Giuseppe Muzzi.

Al centro del confronto la proposta di sindacati e lavoratori di evitare un numero così alto dei licenziamenti a fronte della disponibilità a ridurre volontariamente l'orario di lavoro del personale, utilizzando in maniera estesa il part time. L'incontro si è chiuso sostanzialmente con un nulla di fatto che non rende fiduciosa la delegazione sindacale sull'esito del confronto per evitare gli esuberi.

«L'incontro di oggi – spiega il segretario della Fiom Cgil del Trentino, Roberto Grasselli – è stato interlocutorio. Abbiamo illustrato nei dettagli la nostra proposta all'ad Muzzi. L'azienda però non ha sciolto le sue riserve sull'estensione del part-time nello stabilimento di Scurelle così da scongiurare i licenziamenti».

«I vertici di Smith International – aggiunge Grasselli – hanno chiesto altro tempo per valutare la praticabilità delle riduzioni volontarie di orario. Insomma, oggi chiudiamo con un nulla di fatto. Per noi è però essenziale che l'azienda contragga sensibilmente gli esuberi annunciati. Debbono avere chiaro che per noi tagliare 30 posti di lavoro a Scurelle è inacettabile».

Intanto, le parti si sono accordate per rivedersi al tavolo di confronto la settimana prossima. Sindacati e azienda si ritroveranno quindi martedì prossimo, 16 aprile, alle ore 13 sempre presso la sede di Confindustria a Trento.


11 aprile 2013

 

 

TORNA SU