NEWS

DELEGA DI FUNZIONI IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Tutti i documenti inerenti la delega sugli ammortizzatori sociali. Dal patto di MIlano del bovembre 2009 al varo della convenzione Pat-Inps dell'agosto 2014

Nel dicembre del 2009 con la legge 191, il Parlamento concede alle Provincia autonome di Trento e Bolzano la delega delle funzioni amministrative in materia di ammortizzatori sociali. Si apre così la fase di progettazione dei nuovi strumenti di ostengo al reddito che il Trentino ha decsio di realizzare per accompagnare con adeguate politiche passive ed attive del lavoro, le lavoratrici ed i lavoratori in Trentino nelle transizioni da lavoro a lavoro.

La legge finanziaria per il 2010, la legge 191/2009 per l'appunto, alle due Province autonome possano passare le funzioni di gestione in materia di cassa integrazione guadagni, disoccupazione e mobilità, da esercitare sulla base di conseguenti intese con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali per coordinare e raccordare gli interventi, ivi compresa la possibilità di avvalersi dell’INPS sulla base di accordi con quest’ultimo. 

Dopo una lunga fase di gestazione,
il 21 dicembre 2012 il Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro degli affari regionali, del turismo e dello sport di concerto con i Ministri competenti, ha approvato il decreto legislativo "Attuazione dello statuto speciale per la Regione Trentino-Alto Adige recanti l’attuazione della delega delle funzioni in materia di cassa integrazione guadagni, disoccupazione e mobilità, conferita dall’art.2, comma 124, della legge 23 dicembre 2009 n. 191".

La norma di attuazione contenuta nel decreto legislativo definisce gli ambiti ed i modi dell’esercizio della delega e riguardo alle diverse prestazioni ciò che passa sotto la responsabilità delle Province autonome e ciò che rimane nella competenza statale.  Essa ha consentito alle Province autonome di regolare con risorse aggiuntive del proprio bilancio e senza oneri a carico dello Stato la materia della cassa integrazione guadagni, disoccupazione e mobilità sulla base dei princípi della legislazione statale, con particolare riguardo ai criteri di accesso agli ammortizzatori sociali.

Alla delega, sempre nel dicembre del 2012, si è aggiunta una nuova previsione legislativa che modifica la legge provinciale sul lavoro, la legge n. 19 del 1983, introducendo un nuovo articolo sugli ammortizzatori sociali e prevedendo tre nuovi strumenti, il reddito di continuità, il reddito di attivazione e il reddito di qualificazione.

Successivamente il 14 ottobre 2013, la Provincia autonoma di Trento e il ministero del Lavoro hanno sottoscritto un protocollo d'intesa sulla gestione dei rapporti tra Ministero, Inps, Provincia e Agenzia del Lavoro.

Dell'agosto del 2014 è poi il varo della convenzione tra Provincia e Inps per la piena attuazione dei nuovi ammortizzatori sociali in Trentino che verranno erogati direttamente dall'Istituto previdenziale, a fronte dello stanziamento delle risorse necessarie da parte della Provincia.
 
4 agosto 2014

 

 

TORNA SU