NEWS

Pulimento. Basta mimose, sì al lavoro dignitoso

Venerdì 8 marzo sciopero e assemblea provinciale del settore pulimento/multiservizi in Trentino contro il taglio delle ore di lavoro e per un contratto provinciale di secondo livello

Pulimento. Basta mimose, sì al lavoro dignitoso

Le politiche di consolidamento dei bilanci degli enti locali e di contenimento della spesa pubblica, ma anche la riduzione dei budget delle aziende private a causa della crisi hanno ricadute spesso drammatiche sul mondo del lavoro, anche a partire da chi è impiegato negli appalti di servizio.

In Trentino Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uil Trasporti hanno denunciato a più riprese il tentativo delle amministrazioni pubbliche di ridurre il monte ore degli appalti del servizio di pulimento nei diversi capitolati d'appalto. Ha aperto le danze l'amministrazione di Rovereto che in autunno ha previsto un taglio del 40% delle ore necessarie per pulire gli uffici, poi hanno continuato sullo stesso solco quella di Trento e la Pat seppur in maniera leggermente meno aggressiva. I sindacati sono ancora oggi in attesa di capire quali saranno i riflessi sulla sanificazione ospedaliera, ma le previsioni non possono certo essere ottimistiche. Ma fenomeni simili, se non addirittura peggiori, si registrano negli appalti di aziende private che tagliano sulle ore delle pulizie e che, in alcuni casi, accettano odiosi episodi di dumping contrattuale.

A tutti i livelli, la drastica riduzione delle ore di lavoro provoca un depauperamento del salario, un inasprimento delle condizioni di lavoro e un conseguente peggioramento delle condizioni di vita di chi opera in questo settore – prevalentemente donne – e delle loro famiglie. Dinanzi a questo scenario non ci può essere altra risposta adeguata che la mobilitazione dell'intero settore, rimettendo al centro il lavoro con la sua dignità e con la sua carica di riscatto sociale. In un settore dove il lavoro femminile è preponderante, non si poteva scegliere data diversa dall'8 marzo per ridare visibilità ad un lavoro invisibile.

Ecco perchè le lavoratrici del pulimento l'8 marzo intendono rivendicare un lavoro dignitoso, un orario dignitoso perché lavorare 18 ore la settimana a meno di 7 euro l'ora significa dignitosa povertà, ma lavorarne 10 o 11 significa miseria, e perchè, dopo quasi due mesi dalla presentazione della piattaforma per un contratto territoriale di secondo livello per tutto il comparto in Trentino, non hanno ricevuto risposta da nessuna delle associazioni datoriali.

Per dare voce alle lavoratrici e ai lavoratori del settore, contestualmente allo sciopero, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uil Trasporti del Trentino venerdì 8 marzo 2013 a partire dalle ore 10 presso la sala della Regione in piazza Dante a Trento organizzeranno un'assemblea provinciale di tutte le addette e di tutti gli addetti del pulimento. In quell'occasione sindacati e lavoratrici faranno il punto della situazione nei vari appalti della provincia di Trento ed individueranno le criticità più significative.

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uil Trasporti venerdì 8 marzo organizzano un servizio pullman per raggiungere la sede dell'assemblea a Trento. Due pullman sono previsti in partenza a Rovereto (c/o piazzale Hotel Cristina) alle ore 8 e alle ore 8.45 del mattino. Altre partenze sono previste da Riva del Garda ((c/o stazione autocorriere di viale Trento) alle ore 8.45 e da Arco (c/o piazza Tre Novembre) alle ore 9. Per informazioni e prenotazioni è sufficiente telefonare ai sindacalisti Luigi Bozzato (Filcams Cgil del Trentino) tel. 349 1922823, Milena Sega (Fisascat Cisl Trentino) tel. 366 6390595 e Francesca Vespa (Uil Trasporti Trentino) tel. 348 4996010.

5 marzo 2013

 

 

TORNA SU