NEWS

Cartai, accordo sul nuovo contratto

Siglata l'intesa tra le parti. Aumento di 85 euro per il livello medio

TRENTO - Ottantacinque euro in più a regime in busta paga al livello medio per gli 80.000 lavoratori italiani del settore carta e cartotecnica. L'aumento è contenuto nell'ipotesi di accordo sul contratto nazionale siglato ieri da imprenditori e sindacati. Dopo oltre sei mesi dalla scadenza del precedente contratto, è arrivato così l'accordo. Oltre all'incremento economico 85 euro (oltre i limiti dell'inflazione programmata), il tavolo di contrattazione ha poi stabilito il riconoscimento di 240 euro di una tantum per gli eventuali periodi di «scopertura» e l'introduzione di alcune innovazioni (apprendistato professionalizzante, nuove tipologie di accesso al lavoro, eccetera) che, secondo i sindacati, dovrebbero limitare l'impatto della legge 30. Ulteriore modifica, la valorizzazione del ruolo delle Rsu (Rappresentanze sindacali unitarie), che godranno di maggior autonomia rispetto alle sigle sindacali nazionali. «Possiamo considerarci soddisfatti - spiega Lucio Omezzolli segretario provinciale Slc Cgil - per i risultati ottenuti, considerando anche le difficoltà nel rinnovo contrattuale di altre categorie».

 

 

TORNA SU