NEWS

Acciaieria Valsugana. Terragnolo (Fiom Cgil): “Urgente il chiarimento con l'azienda”

Il deposito della richiesta di concordato preventivo già comunicata ai sindacati. Ma nulla è stato ufficializzato sulla trattativa in corso tra Leali e  Feralpi

Dichiarazioni di Manuela Terragnolo, segreteria provinciale della Fiom Cgil del Trentino

«La notizia del deposito della richiesta di concordato preventivo da parte della proprietà dell'Acciaieria Valsugana di Borgo è stata comunicata alle organizzazioni sindacali nei giorni scorsi. Per questo motivo abbiamo chiesto immediatamente un incontro con i vertici del gruppo Leali affinché fossero chiariti a sindacati e lavoratori i contorni dell'operazione, in primo luogo riguardo la tutela dei livelli occupazionali, nonostante il fatto che la domanda di concordato non precluda la prosecuzione dell'attività produttiva, né annulli l'efficacia del contratto di solidarietà in essere, recentemente rinnovato.

Il gruppo Leali però non ci ha fatto alcuna comunicazione in merito alla trattativa, svelata da un quotidiano nazionale, tra la proprietà dell'acciaieria di Borgo Valsugana e il gruppo Feralpi per la cessione dello stabilimento. A questo proposito, l'incontro tra le rappresentanze sindacali e i vertici del gruppo Leali diventa quanto mai urgente. I lavoratori infatti hanno la necessità e il diritto di conoscere i dettagli di questa operazione.

Come organizzazioni sindacali vogliamo garanzia riguardo il mantenimento dei posti di lavoro e in merito al rilancio e alla qualificazione dell'attività produttiva a Borgo. Di tutto ciò vogliamo discutere entro l'inizio della prossima settimana con la proprietà».

21 settembre 2012

 

 

TORNA SU