NEWS

Scuola. Le assunzioni dei docenti a tempo determinato

Chiuse le  procedure per le stabilizzazioni, dal 21 al 29 agosto vengono assegnati gli incarichi a termine. Flc Cgil: “Per arginare la precarietà serve anche un nuovo modello di reclutamento”.

Scuola. Le assunzioni dei docenti a tempo determinato

Si sono concluse la scorsa settimana le procedure per l'assegnazione delle cattedre di ruolo che hanno consentito a 170 insegnanti precari di raggiungere l'agognata stabilizzazione negli organici della scuola in Trentino. Da domani, martedì 21 agosto e fino a mercoledì 29 agosto, si terranno invece le convocazioni del personale docente inserito nelle graduatorie permanenti provinciali per le assunzioni a tempo determinato per l'anno scolastico 2012/2013.

L'assegnazione degli incarichi a termine riguarderà quasi tutte le classi di concorso. Martedì 21 agosto si inizierà con gli insegnanti di sostegno della scuola primaria e secondaria, per poi passare agli incarichi dell'insegnamento della lingua straniera – tedesco e inglese – nella scuola primaria. La giornata si concluderà con l'attribuzione dei primi incarichi a termine di scuola comune sempre negli istituti di istruzione primaria che si concluderà nella mattinata di giovedì 23 agosto.

Nello stesso giorno, a partire dalle 14.30, inizieranno le procedure per l'assegnazione dei contratti a tempo determinato per il personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado. Si partirà con l'insegnamento dell'educazione musicale nella scuola media per chiudere mercoledì 29 agosto con le cattedre di economia aziendale.

Durante l'assegnazione degli incarichi, presso il palazzo dell'istruzione in via Gilli a Trento, saranno presenti i funzionari sindacali della Flc Cgil del Trentino per fornire supporto tecnico e informazioni al personale docente coinvolto nelle procedure. Come ogni anno il sindacato di via dei Muredei distribuirà un breve guida sugli adempimenti e sui diritti ed i doveri dei docenti assunti a tempo determinato.

«Il nostro impegno - avverte però Gloria Bertoldi, segretario generale della Flc Cgil – non si limita a questa delicata fase. Crediamo infatti che si debba arginare il più possibile il fenomeno della precarietà nella scuola in Trentino garantendo a tutti coloro che intendo intraprendere la carriera di insegnante tempi ridotti e modalità certe per giungere all'immissione in ruolo e quindi al contratto a tempo indeterminato. Su questo fronte lo sforzo della Flc Cgil è massimo».

«A questo proposito – aggiunge la sindacalista della Flc Cgil – crediamo sia giunto il momento di adottare un nuovo modello di reclutamento del personale docente basato sul rispetto del dettato costituzionale, ossia realizzando un sistema di concorsi pubblici periodici e snelli che preservi i diritti di chi è oggi in graduatoria, ma che sappia offrire anche a chi consegue l'abilitazione all'insegnamento, la possibilità di essere immesso in ruolo sulla base del merito e delle competenze, non solo dell'anzianità di servizio».

20 agosto 2012

 

 

TORNA SU