NEWS

Spending review. A settembre sciopero della Funzione pubblica di Cgil e Uil

Lo hanno annunciato i vertici dei sindacati del pubblico impiego ieri a Roma dorante la manifestazione nazionale.

Contro la spending review sarà sciopero generale di tutto il settore del pubblico impiego a livello nazionale. È questa la decisione annunciata ieri a Roma dai sindacati di categoria dei lavoratori pubblici di Cgil e Uil durante la prima manifestazione nazionale di protesta contro i tagli ai settori pubblici voluti dal governo Monti. Lo sciopero generale si terrà nel mese di settembre.

«È una decisione sacrosanta – spiega Giampaolo Mastrogiuseppe, segretario generale della Fp Cgil del Trentino -. La delegazione della nostra organizzazione presente ieri a Roma la ha appoggiata senza tentennamenti. Solo la mobilitazione dei pubblici dipendenti, in Trentino e in tutto il resto d'Italia, può davvero riuscire a bloccare i propositi del Governo che scaricano sul lavoro pubblico e sui servizi ai cittadini il peso del risanamento». Da qui a settembre però le azioni di protesta continueranno.

«Non possiamo arretrare di un millimetro – incalza infatti Mastrogiuseppe -. Noi chiediamo una vera lotta agli sprechi e un vero taglio della spesa pubblica improduttiva. Questo può avvenire solo mettendo da parte i tagli lineari e coinvolgendo le rappresentanze dei lavoratori. Il Governo invece ha scelto la strada sbagliata che vogliamo contrastare senza se e senza ma».

20 luglio 2012

 

 

TORNA SU