NEWS

Elezioni rsu. Positivo il risultato della Cgil nel pubblico impiego

I dipendenti di Stato, Parastato, Apss, Università e Afam hanno votato per i propri delegati. Fp Cgil e Flc Cgil prime nelle agenzie fiscali, nella giustizia, in ateneo, al Cnr e al conservatorio di Trento. Due delegati in più in Azienda&

Elezioni rsu. Positivo il risultato della Cgil nel pubblico impiego

A cinque anni di distanza dall'ultima consultazione dei dipendenti pubblici in Italia, gli scorsi 5, 6 e 7 marzo anche in Trentino le lavoratrici ed i lavoratori delle amministrazioni centrali (giustizia, difesa, infrastrutture, tesoro e monopoli), delle agenzie statali (entrate, dogane, territorio), degli enti parastatali (Inps ed Inpdap tra gli altri), dell'università, degli enti di ricerca nazionali e degli enti di alta formazione musicale sono tornati a votare per scegliere i propri delegati sindacali.

In generale le elezioni delle rsu hanno registrato un'altissima partecipazione al voto. Tra i 1.438 lavoratori delle funzioni centrali ha votato ben l'87% degli aventi diritto, mentre nel settore della sanità sono stati 3.862 i lavoratori che hanno deciso di partecipare al voto, facendo in modo di superare di gran lunga il quorum per confermare la validità del voto, fissato a quota 50%. Per la Cgil questa è la prova più eclatante di quanto sbagliasse chi, nel governo Berlusconi, cercava in tutti i modi di spostare a data da destinarsi, se non addirittura di evitare, le elezioni dei delegati rsu.

Premesso che in Trentino non si votava per le autonomie locali (Provincia, comuni e comunità), né per la scuola, Fp Cgil e Flc Cgil, i due sindacati della funzione pubblica e della conoscenza, si sono confermati le sigle più rappresentative nei rispettivi settori di competenza nella nostra provincia.

Nelle amministrazioni centrali la Fp Cgil del Trentino ha infatti conquistato complessivamente il 40% dei delegati. Sui 105 delegati di tutti gli enti statali e parastatali interessati 42 sono stati eletti tra le fila della Fp Cgil. Da segnalare in particolare il risultato tra il personale della Giustizia (44% dei delegati) e della direzione provinciale delle Entrate (40%).

Nell'Azienda provinciale per i servizi sanitari dove hanno votato il personale paramedico e amministrativo, la Fp Cgil conquista due delegati in più rispetto al 2007. Con 647 voti oggi il sindacato di via dei Muredei conquista infatti 11 delegati sindacali contro i 9 di cinque anni fa. In generale la sigla più rappresentativa resta quella del sindacato autonomo Nursing Up (17 delegati), seguita dalla Uil Fpl (16 delegati) e dalla Cisl Fp (14 seggi). Al sindacato autonomo Fenalt sono andati 5 delegati.

All'Università di Trento la Flc Cgil bissa il successo del 2007. Con il 57% dei consensi e la maggioranza assoluta, il sindacato di via dei Muredei si conferma infatti la sigla più rappresentativa dei dipendenti dell'Università. Su 630 aventi diritto, durante i tre giorni di apertura dei seggi hanno partecipato alla consultazione ben 436 dipendenti. La Cgil ha raccolto 255 voti, contro gli 88 della Uil, i 53 della Cisl e i 24 della Cisal. In virtù di questi risultati, la Flc Cgil conquista 5 delegati come accadde nel 2007. Due delegati vanno invece alla Uil, mentre Cisl e Cisal raggiungono a testa un delegato.

Ottimo anche il risultato presso l'unità di Trento dell'istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr e presso l'istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree del Cnr a San Michele all'Adige. Nei due istituti la Flc Cgil raddoppia i consensi rispetto alle precedenti elezioni portando la propria rappresentanza al 66,6%. Al Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura di Villazzano, il sindacato Cgil della conoscenza si conferma come prima lista.

Le elezioni delle rappresentanze sindacali unitarie nel settore del pubblico impiego hanno coinvolto anche gli enti dell'alta formazione artistica e musicale (Afam) in tutta Italia. In Trentino, il sindacato più rappresentativo è rimasta la Flc Cgil. Il sindacato della conoscenza ha infatti conquistato due delegati sindacali sui tre disponibili al conservatorio Bomporti di Trento, dove hanno votato ben 96 dipendenti tra personale docente e non docente. Un risultato che conferma la capacità della Flc Cgil di rappresentare in Trentino le istanze del personale delle istituzioni formative musicali.

12 marzo 2012

 

 

TORNA SU