NEWS

Edilizia e crisi. Il 3 marzo manifestazione a Roma

Le proposte di Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil per rilanciare il settore delle costruzioni in Italia. La manifestazione unitaria per chiedere l'intervento del Governo

Edilizia e crisi. Il 3 marzo manifestazione a Roma

Rilancio del settore, pensioni, lavori pesanti e usuranti, ammortizzatori sociali, legalità e regolarità, trasparenza, sostenibilità ambientale e risparmio energetico: sono alcuni dei punti che costituiscono la piattaforma unitaria di Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, le categorie sindacali dell’edilizia, con le richieste al Governo per il rilancio del settore delle costruzioni dopo anni di crisi. Ed è proprio a sostegno di queste priorità che i tre sindacati confederali dei lavoratori dell'edilizia organizzeranno una grande manofestazione nazionale a Roma il prossimo sabato 3 marzo. 

Nel documento le organizzazioni sindacali denunciano l’assenza di provvedimenti adeguati a contrastare la crisi nel settore, che ha perso oltre 300mila occupati. Tra le proposte concrete di Feneal, Filca e Fillea ci sono il rilancio dell’edilizia attraverso politiche di innovazione nella direzione della green economy, il piano straordinario per il Mezzogiorno, la destinazione di una quota maggiore di Imu ai Comuni per un allentamento selettivo del patto di stabilità da destinare alla difesa del territorio e alla riqualificazione del patrimonio abitativo.

Altro tema delicato della piattaforma è la previdenza: i sindacati dell’edilizia chiedono che sia rivista l’attuale normativa sulle pensioni di anzianità, che devono essere adeguate alla tipologia lavorativa (lavori pesanti) e in materia di lavori usuranti. Inoltre si chiede una forte azione di contrasto alle infiltrazioni malavitose nel settore, l’obbligo di adozione del Durc per congruità anche per i lavori privati, una lotta più incisiva contro il caporalato e l’attuazione della Patente a punti.

Come detto, le proposte, che si inseriscono nell’azione già portata avanti da Cgil, Cisl e Uil, saranno presentate nel corso di una grande manifestazione nazionale, in programma il prossimo sabato 3 marzo. A Roma scenderà anche una nutrita delegazione dei lavoratori trentini del settore.

23 febbraio 2012

 

 

TORNA SU