NEWS

Gruppo La Vis. Montani (Flai Cgil): «No alla decurtazione dello stipendio per “solidarietà”»

La cooperativa vitivinicola in difficoltà finanziarie prospetta trattenute e straordinari non pagati. 

Dichiarazioni di Stefano Montani, segretario generale Flai Cgil del Trentino

«Abbiamo appreso dalla stampa locale che, in occasione dell'assemblea informativa dei soci di La Vis tenutasi venerdì scorso, la società avrebbe ipotizzato il varo di un fantomatico "piano di solidarietà" rivolto ai dipendenti del gruppo cooperativo vitivinicolo, piano che potrebbe prevedere trattenute (che, ovviamente, immaginiamo volontarie) sullo stipendio dei lavoratori per risanare l'azienda, oggi in difficoltà finanziarie.

Inoltre si prospetterebbero prestazioni straordinarie non retribuite. Premesso che nessuno ci ha informati, pur avendo la rappresentanza di molti lavoratori del gruppo, va da sé che la proposta, se venisse formalizzata, sarebbe immediatamente respinta dalla Flai Cgil del Trentino.

Trattenere quote di stipendio ed ipotizzare di non retribuire gli straordinari, oltre a prospettarsi come precedente pericoloso e dumping nei confronti delle aziende del settore, ci farebbe tornare al secolo scorso. Senza dimenticare, ad esempio, che i lavoratori di casa Girelli hanno già dato in quanto per due anni consecutivi si sono visti dimezzare il premio di risultato proprio alla luce della difficile situazione in cui versa la loro azienda. Proposte del genere risultano quindi del tutto inaccettabili e vanno tolte dal tavolo ancor prima di vedere la luce».

28 novembre 2011

 

 

TORNA SU