NEWS

Progettone. Nulla di fatto per gli aumenti

Incontro tra sindacati e cooperazione. Nessun accordo. Fai, Flai e Uila chiedono l'adeguemanto all'inflazione. Il 18 novembre assemblea di tutti i lavoratori 

Oggi, presso il CLA, una delegazione trattante di parte cooperativa, composta da Paolo Pettinella, per la Federazione Trentina della Cooperazione, Marina Castaldo, vicepresidente del Consorzio Lavoro e Ambiente e presidente della MoviTrento s.c., Melchiorre Lino Orler, direttore del CLA (mentre ancora una volta assente, al tavolo, è risultato il consorzio Con.Solida), ha incontrato una delegazione trattante di Fai-Flai-Uila del Trentino.

A fronte di una provocatoria offerta di blocco degli aumenti della paga base del personale dipendente del "Progettone", che la Provincia Autonoma di Trento avrebbe comunicato alla cooperazione, Fai-Flai-Uila hanno valutato irricevibile l'offerta, modestissima, legata esclusivamente al riallineamento della paga base, degli ex SCAU, al personale inquadrato in INPS non agricola.

Pur rendendosi conto delle difficoltà tecniche ed economiche che gravano sul sistema dei lavori socialmente utili e delle difficoltà del tavolo confederale che, pur ribadendo con forza la validità del sistema “Progettone” che tutta Italia ci invidia, si trova nella necessità di rivedere i criteri di accesso al comparto, FAI FLAI E UILA insistono per veder riconosciuto ai lavoratori almeno la copertura del tasso inflattivo a stipendi che, a mala pena, arrivano ai 1.000 euro mensili.

Per questo tutti i lavoratori del settore si ritroveranno in assemblea nella giornata del 18 novembre per analizzare la situazione e decidere, insieme, le modalità per riportare la controparte al tavolo con una maggior disponibilità economica. Prima ancora una delegazione di lavoratori chiederà di incontrare il presidente Dellai per illustrare le proprie ragioni e, successivamente, riportare all'assemblea le parole del presidente stesso.

Tiziano Faes (Fai Cisl)
Stefano Montani e Mariano Campana (Flai Cgil)
Giovanni Galluccio (Uila Uil)

8 novembre 2011

 

 

TORNA SU